Travel Europa "Parigi è sempre una buona idea"

“Parigi è sempre una buona idea”

A tutti quelli che mi dicono: “Di nuovo a Parigi? Ma non ci sei già stata?”, non posso fare altro che rispondere con le parole della grande Audrey Hepburn

“Parigi è sempre una buona idea”

Certo non ho la sua grazia e maestria, ma il concetto è molto chiaro e non ha bisogno di molte spiegazioni.

Quando si è affacciata l’idea di andare a Parigi per questa Pasqua 2016 non mi sono proprio posta il problema che sarebbe stata la mia quarta volta nella Ville Lumiere, anzi ho subito pensato che finalmente avrei potuto approfondire la conoscenza di quella che per me è e rimane la città più romantica del mondo.

Piuttosto ho ripensato alle volte precedenti e al motivo scatenante che ogni volta mi ha portato a scegliere proprio Parigi come destinazione… non ci ho dovuto pensare molto: ero innamorata!

Già, sono sempre più convinta che Parigi sia una città per innamorati: innamorati dei viaggi, della vita, del proprio uomo, della propria famiglia…. Innamorati e basta!

Scorci di Parigi
Scorci di Parigi

La prima volta, avevo 17 anni ed era il mio primo viaggio studio:20 giorni in Francia, in un college alle porte di Parigi! Non credo fossi mai stata così eccitata come la “notte prima della partenza” (dovrei scriverci un articolo) e quella è stata la prima volta che mi sono davvero innamorata della città e dei viaggi! Ero innamorata della vita come lo si è a 17 anni, innamorata di tutte le novità che mi stavano accadendo e quel viaggio non era che la prima di una lunga serie, ne ero sicura! Ho visto la città con gli occhi di chi guarda il mondo per la prima volta e sono ripartita da lì con gli stessi occhi pieni di lacrime. Il primo viaggio, come il primo amore, non si scorda mai!

IMG_20160318_114734
Amore & Psiche – Simbolo d’amore

La seconda volta era la volta del primo viaggio col proprio ragazzo… come potevo non scegliere Parigi! Mi era sembrato così logico che non ci ho pensato neanche un attimo! Quella volta ho scoperto la magia di questa città così romantica, che riesce a scovare un po’ di romanticismo in ognuno di noi, anche in quelli “apparentemente” più duri.

Ogni volta una scoperta nuova e il tornare sui propri passi non sembra mai un vero tornare… c’è sempre qualcosa di nuovo e di inaspettato che non avevi visto, o qualcosa di nascosto che non riesci più a trovare. E’ anche per questo che non mi dispiace tornare… il viaggio non potrà mai essere una copia della prima, neanche se torni nello stesso posto ogni anno.

Un bianco che incanta!
Un bianco che incanta!

Ed eccoci qui, pronti per questa nuova quarta volta, pronti per questo nuovo amore. L’amore di una famiglia che si sta creando e si basa sempre di più su questa passione travolgente che è quella del viaggio. Mai come questa volta mi sono informata su Parigi… partendo dalla guida, che ho letto in ogni dettaglio, per finire a blog e web. Sono andata alla ricerca di quei posti insoliti, che magari la prima volta che vai in una città ti sfuggono perché si è presi dal tour classico, ma che sta volta non posso perdermi. Ho deciso di entrare dentro la città, dentro la sua storia e la sua vera anima. Voglio viverla come non ho mai fatto fin’ora. Ho letto e cercato gli angoli più nascosti di ogni quartiere e sarà un po’ questa la linea guida di questo viaggio: la vita dei quartieri di Parigi. Ogni giorno un quartiere diverso, da mattina a sera, dai caffè alle brasserie, dai luoghi turistici alle passeggiate ai parchi, dalla storia alla religione. Perché ogni quartiere ha una sua anima, un suo cuore pulsante, che spesso non batte all’unisono con tutto il resto, ma che rende davvero unica e speciale questa città.

La partenza è ormai alle porte, mancano solo gli ultimi dettagli e magari qualche ultimo consiglio da chi è già riuscito a scoprire un angolo magico e vivo di Parigi che non possiamo perderci. Seguite il nostro viaggio sui social e state certi che al nostro rientro vi faremo innamorare di questa Parigi insolita, quartiere per quartiere.

Se volete approfondire la visita a Parigi vi lascio alcuni post di approfondimento:

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei...

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.