Viaggiare con il cane in europa: documenti e consigli di viaggio

Avete in mente un viaggio in Europa con il vostro cane? Bravi! Mai lasciare il vostro migliore amico a casa!

In questi anni abbiamo scelto spesso di viaggiare con il cane in Europa e non solo in Italia. Biagio, il nostro fedele compagno di vita e di viaggio, ha scodinzolato già in Francia, Germania, Slovenia, Corazia e Austria. 

Negli anni ci siamo accorti che viaggiare con il cane in Europa è molto più semplice di quanto pensavamo, visto che molte nazioni sono davvero dog friendly, molto più che in Italia! 

?
Biagio è pronto con il suo zainetto

La prima volta che abbiamo deciso che Biagio ci avrebbe accompagnato, mi sono informata sulle norme per viaggiare con il cane in Europa, visto che per l’Italia so già come funziona e ne ho parlato qui.

Le regole per viaggiare con il cane in Europa sono poche, ma importanti! 

  1. I documenti per viaggiare con il cane in Euorpa: Pet-passaport! Ebbene sì, mentre per noi il passaporto non serve più, per i nostri amici a quattro zampe è fondamentale avere il passaporto per viaggiare in Europa. Basta prenotare una visita all’Ausl, sezione veterinaria, portare il cane accompagnato dal proprietario (cioè colui a cui è intestato il cane all’anagrafe canina) e il passaporto lo faranno in giornata. Il Pet-passaport però è valido solo se: avete fatto l’antirabbica al vostro cane.
  2. Antirabbica: Il cane deve avere l’antirabbica da almeno 3 settimane, solo in quel caso il Pet-Passaport è valido e vale per ben 3 anni.
  3. Da un paese all’altro possono variare i requisiti per la profilassi di zecche, pulci e tenia. E’ quindi importante verificare attentamente le normative del paese che avete intenzione di visitare.
  4. Libretto sanitario: come per l’Italia, anche in Europa è fondamentale avere il libretto sanitario del proprio cane. All’interno devono essere segnate tutte le vaccinazioni fatte. Sarebbe opportuno fare anche una terapia contro i vermi, in molte Nazioni europee è richiesta (noi l’abbiamo fatta!).
  5. Documento d’identità: cioè il certificato dell’Anagrafe Canina in cui è iscritto il cane, con il numero del microchip (fondamentale in ogni caso) e i dati del proprietario.

Cinque regole, poche ma buone.

Viaggiare con il cane in Europa: hotel, ristoranti e strutture

In Europa sono molti gli alberghi e i locali che accettano i nostri amici a quattro zampe e questo fa venire ancora di più la voglia di portarli con noi.

In Germania, i cani sono così ben voluti e accettati che ad un certo punto quasi ci siamo dimenticati che avevamo Biagio insieme a noi. Raramente le gasthaus chiedono il supplemento per il cane e quasi sempre mettono a disposizione coperte o cucce.

Mentre in Francia, ci siamo accorti che la maggior parte degli alberghi chiede un supplemento, che va dai 7 ai 10 euro a notte. Alcuni specificano che è vietato l’accesso al cane nella sala della colazione, altri no. Noi abbiamo sempre scelto hotel o B&B in cui non c’erano restrizioni, non ci piace lasciare Biagio da solo in camera, per di più perché non è abituato e potrebbe abbaiare.

Viaggiare in Europa con il cane: il libretto sanitario
Biagio e il libretto sanitario

Viaggiare con il cane in Europa: in auto

In Europa, come per l’Italia, per poter far viaggiare il vostro cane in auto è importante seguire alcune regole. Innanzitutto la sicurezza, del vostro cane ma anche di chi guida. Il cane deve essere trasportato all’interno di un kennel o trasportino, che può essere posizionato sia sul sedile posteriore dell’auto e fissato con le cinture di sicurezza, sia nel portabagagli. Questa è la soluzione più sicura, ma non è l’unica. Il cane può essere anche trasportato sul sedile posteriore purché agganciato con le cinture di sicurezza alla pettorina o mettendo una rete divisoria, in modo che il cane non dia fastidio al conducente dell’auto durante la guida. 

A mio avviso, la cosa più importante è che il cane sia abituato all’auto e al modo che deciderete di utilizzare. Se scegliete il kennel non pensate di partire mettendo il cane lì dentro il giorno stesso, il cane va abituato piano piano. va educato anche al viaggio. 

Ed è proprio di questo che parlo nel post 5 regole d’oro per viaggiare con il cane: 

5 regole d’oro per viaggiare col cane

Viaggiare con il cane in Europa: in treno

Come per l’Italia, anche all’estero è possibile viaggiare con il proprio cane in treno. Ogni compagnia ferroviaria ha però le proprie regole ed è quindi importante informarsi prima di partire. Come spesso accade, i cani di taglia piccola o moedio-piccola sono avvantaggiati e ci sono quindi meno difficoltà, mentre con i cani di taglia grande è spesso più complicato. Noi abbiamo scelto il viaggio in treno in Belgio, mentre per le altre nazioni abbiamo sempre viaggiato in auto. Ho però trovato un bel post dove ci sono raccolte tutte le regole delle varie compagnie ferroviarie estere, cliccate sul link per consultarle. 

Viaggiare con il cane in Europa: La regola più importante è informarsi!

Informarsi sempre bene e in modo accurato prima di partire. Solo così non avrete problemi e potrete godervi al meglio la vostra vacanza a sei zampe.

Credo di avervi detto tutto, adesso non vi resta che partire col vostro amico peloso (se volete qualche consiglio su cosa mettere in valigia leggete il nostro post) e mandarci le vostre foto di “vacanza a sei zampe”. Ma soprattutto seguite Biagio nei suoi numerosi viaggia in Italia e in Europa nella sezione Viaggiare con il cane! Ah dimenticavo la cosa più importante: NO ABBANDONO!


Se ami viaggiare con il tuo cane, iscriviti alla newsletter e potrai scaricare gratuitamente la guida “Viaggiare con il cane”. 

Un commento su “Viaggiare con il cane in europa: documenti e consigli di viaggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.