Londra: la mia top five +1

Ad un anno esatto dal mio primo viaggio a Londra, non posso che lasciarmi andare ai ricordi e immergermi nella malinconia riguardando le foto. Londra mi ha davvero stupita, mi ha sorpresa e lasciata senza parole per qualche giorno! C’è stato un attimo in cui non sapevo dove posizionarla nella mia classifica personale… ma di sicuro il suo posto è sul podio! Oggi, riguardando le foto e rileggendo gli appunti del diario di viaggio, mi è venuta voglia di stilare una Top Five +1 dei miei luoghi del cuore, quei posti di Londra che mi hanno colpito di più, quelli di cui ho parlato e continuerò a parlare.

Non so ancora se le posizioni saranno definitive o se ci sarà qualche pari merito, magari dopo un secondo o un terzo viaggio qualche altro posto si aggiungerà… per ora accontentatevi di sapere che questi luoghi per me meritano davvero il viaggio!

  1. London Bridge di sera: non potevamo scegliere un posto migliore per passare la nostra prima serata a Londra se non le rive del Tamigi. L’aria era fresca e mi ha fatto quasi pentire di non essermi vestita più pesante, ma più ci avvicinavamo al London Bridge, più tutto il resto era sopportabile. Uno dei simboli di Londra, vederlo illuminato che si staglia fiero su quel fiume nero è davvero uno spettacolo. Salirci sopra è altrettanto emozionante, ma sono sincera io non vedevo l’ora di scendere per continuare ad ammirare quella struttura dal fiume: solo da lì si ha una visione completa.

DSC06089

  1. Camden Town: Ecco, questo credo sia uno dei posti più assurdi che abbia mai visto (basti guardare la mia faccia nella foto in basso!). Un quartiere, un mercato, una serie di negozi che sembrano fuori dal tempo e dallo spazio. Passeggiando fra quella gente, tra una serie di punk con borchie e capelli viola e un ragazzo vestito da Jack Sparrow con un pappagallo sulla spalla, non sapevo dove guardare e cosa comprare… avrei voluto fotografare tutto ma avevo paura di perdermi qualcosa, di non riuscire a ricordare tutto ciò che stavo vedendo. Alla fine mi girava la testa, ma sapevo perfettamente che in quel posto ci sarei tornata!

20150502_173903

  1. Whispering Gallery: Se si va a Londra per pochi giorni bisogna fare delle scelte. Noi abbiamo deciso di visitare St Paul Cathedral e la sua grande cupola, seconda solo a quella della Basilica di San Pietro a Roma. E’ proprio salendo sulla cupola che si assapora la magia di questo luogo: 259 scalini ti portano alla Whispering Gallery, ovvero la Galleria dei Sospiri, chiamata così perché se si sussurra attraverso i muri le parole possono essere ascoltate dalla parte opposta della cupola. E’ stato dolce e divertente sussurrare parole dolci da un lato all’altro della galleria e poi scoprire che la guida seduta accanto a me non solo ascoltava, ma soprattutto capiva, parola per parola, tutto ciò che io e Marco stavamo “sospirando”!

P1010292

  1. National Gallery:Non si può andare a Londra e non visitare i suoi musei e non solo perché sono gratis e quindi non ci costa niente! Entrare alla National Gallery vuol dire emozionarsi, quasi fino a piangere davanti al Ponte di Monet e ai Girasoli di Van Gogh. Ho amato quel posto che ti fa scoprire l’arte sempre più a fondo e senza doversi per forza stancare e fare indigestione, perché si può sempre uscire, bere una birra al pub e poi tornare dentro e continuare il tour.

P1010213

  1. Shopping compulsivo: chi ha letto I love shoppingdella Kinsella sa di cosa parlo. Amo lo shopping ma non sono ancora malata, eppure ho l’impressione che a Londra il rischio di ammalarsi di shopping compulsivo è molto alto. A partire da Regent Street, Carnaby Street fino a Covent Garden i chilometri da fare sono tanti ma con dei bei sacchetti in ogni mano e il portafoglio meno pesante in borsa, la passeggiata non sarà per nulla faticosa. Passeggiando per quelle strade solo di una cosa mi sono pentita, di aver portato la valigia già piena e avere quindi troppo poco spazio per gli acquisti: solo due miseri vestitini!

20150503_134944

  1. Pub e Fish and Chips: i pub a Londra, quelli tradizionali, sono famosi tanto quando il Big Ben e anche se non siete amanti della birra non potete fare a meno di visitarli. Dopo i musei, i palazzi, le chiese e le passeggiate tra le vetrine, a un certo punto chiunque sente il bisogno di sedersi e fermarsi un po’, anche solo per riposare le stanche membra e intanto entrare nella vita vera e propria dei londinesi. E quale posto migliore dei Pub Tradizionali della capitale? Spesso inseriti in edifici storici, qui assaporerete un’atmosfera davvero tipica e tradizionale, oltre che bere delle ottime birre e mangiare uno dei piatti tipici, il famoso Fish and Chps! Per noi era diventata una tappa fissa delle nostre lunghe giornate londinesi, a metà pomeriggio quando il peso della giornata in giro iniziava a farsi sentire e il richiamo di quei locali era irresistibile.

 Non è stato facile e sicuramente di luoghi da aggiungere a questa lista ce ne sarebbero altri… ma a volte bisogna fare delle scelte e io per ora ho scelto queste. Se volete, provate a darmi la vostra Top Five +1 dei luoghi di Londra! Magari scopro posti che non ho avuto la fortuna di vedere!

2 commenti su “Londra: la mia top five +1”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.