Itinerario della Foresta Nera in 4 giorni

Ad agosto 2016 ci siamo regalati un altro bellissimo viaggio on the road. Come già fatto in Francia nel 2012 e in Slovenia e Croazia nel 2013, stesso modo di viaggiare stessa garanzia! Per quest’ultimo viaggio abbiamo optato per la Germania e precisamente per la regione dello Schwarzwald, meglio conosciuta come la regione della Foresta Nera!

E allora ecco a voi il nostro Itinerario della Foresta Nera!

Come sempre partiamo dalla nostra città, Reggio Emilia, e di solito la prima tappa è abbastanza lunga perché ci porta all’inizio di quello che poi sarà il vero e proprio viaggio. Come prima tappa in suolo tedesco scegliamo il Lago di Costanza.

Reggio Emilia – Lago di Costanza —— 505 km

Itinerario foresta nera - lago di Costanza

Se avete letto le nostre disavventure col navigatore saprete già che questa prima tappa non è stata poi così tranquilla, ma di sicuro indimenticabile! Se non sapete niente, allora andate subito a leggere il post!

1 notte in una gasthaus a pochi chilometri dal lago.

Il giorno dopo si riparte per la seconda tappa del nostro Itinerario della Foresta Nera.

Lago di Costanza – Lago Titisee ——- 91km. 

Sostiamo in questo piccolo paesino sulle sponde del lago per la mattinata e per il pranzo (ovviamente al sacco, come in ogni on the road che si rispetti), poi ripartiamo verso Friburgo!

Lago Titisee – Friburgo ———- 35 km

Itinerario foresta nera - Friburgo

Arriviamo a Friburgo nel primo pomeriggio e subito ci dirigiamo verso il centro della città. Abbiamo poco tempo, ma lo sfruttiamo al massimo: l’intero pomeriggio e la serata ci bastano per innamorarci di questa città. Tanto da dedicargli un post d’amore….

Quindi passiamo qui la seconda notte. Ancora una volta in una piccola gasthaus a conduzione familiare, che ci piace tanto.

Il nostro itinerario nella Foresta Nera prosegue e il giorno dopo lo passeremo praticamente tutto alla guida: ci addentriamo nei paesaggi della Foresta Nera e ne rimaniamo folgorati! Percorriamo la B500 in lungo e in largo fermandoci a Schonach per ammirare il cucù più grande del mondo, poi a Triberg e infine ci dirigiamo verso Rastatt. 

Itinerario foresta nera - la B500

Quindi la terza tappa dell’Itinerario prevede:

Friburgo – Schonach —— 53 km

Schonach – Triberg ——– 3 km 

Pranzo a Triberg. Passeggiata nel parco che porta fino alle sue splendide cascate e poi su e giù per il paesino. Poi si riparte.

Triberg – Rastatt ———-108 km.

Terza notte a Rastatt. La tappa qui non era prevista, in realtà dovevamo soggiornare a Baden Baden, ma all’ultimo minuto la nostra sistemazione è saltata e quindi abbiamo optato per un cambio di programma. A Rastatt in effetti non c’è molto da visitare, è più che altro una città industriale… ma troviamo una sistemazione davvero comoda e conveniente, con tanto di piscina con accesso libero anche a Biagio, il nostro cane vagabondo. Ci concediamo così un paio di ore di ristoro e una bella cena a base di wurstel!

Il giorno dopo ripartiamo verso Hockenheim, per visitare la pista di Formula 1 e motomondiale. Questa era una tappa obbligatoria per il mio maritino super appassionato di moto! Quindi…

Rastatt – Hockenheim ——— 72 km.

Dopo la visita alla pista e al museo annesso, dove ci hanno fatto entrare anche con Biagio, ci dirigiamo verso Heidelberg!

Hockenheim – Heidelberg ——- 21 km

Itinerario foresta nera - Heidelberg

Heidelberg, al contrario di Rastatt merita davvero una visita. Città medievale, conserva un bel castello arroccato sulla collina, ma anche un bellissimo centro storico. Famosa per la sua università, merita di essere visitata a piedi… tra le vie principali del centro, il lungo fiume e i ponti che lo attraversano. Davvero una splendida scoperta.

Passiamo la quarta notte ad Heidelberg ed è proprio qui che finisce il nostro itinerario della Foresta Nera e di questo splendido territorio dello Schwarzwald. Ovviamente non abbiamo visto tutto, come in ogni viaggio bisogna fare delle scelte e purtroppo qualcosa va tralasciata. Da qui partirà poi il nostro viaggio verso la Francia e la regione dell’Alsazia. Ma di questo ne parleremo in un altro post!

Questo il mio Itinerario della Foresta Nera, ma se state pensando di iniziare questo bellissimo viaggio, allora vi lascio alla lettura delle mie considerazioni al rientro dalla Germania.

https://www.vieniviadiqui.it/wpvieni/considerazioni-caldo-sul-mio-viaggio-germania/

Il post sulla Strada Panoramica B500

https://www.vieniviadiqui.it/wpvieni/lungo-la-b500-alla-scoperta-della-foresta-nera/

E su una delle cittadine più belle che abbiamo visitato lungo il nostro Itinerario della Foresta Nera: Friburgo

https://www.vieniviadiqui.it/wpvieni/friburgo-una-citta-da-amare/

Leggete i post e vi assicuro che vi verrà sempre più voglia di partire!

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

15 cose da fare gratis a Edimburgo

Edimburgo è la città europea che amo di più. E' bastato fare...

Cosa mettere nella valigia di un cane viaggiatore

Biagio, da vagabondo quale è, ha la sua valigia di cane viaggiatore! Proprio come...

Cosa vedere in Emilia Romagna: 25 luoghi da non...

Ci sono luoghi che troppo spesso diamo per scontato e che invece...

25 citazioni di viaggio: le frasi sui viaggi più...

Amo tantissimo gli aforismi di viaggio, quelle citazioni che rappresentano l'amore per...

Spiagge per cani in Italia: le 25 migliori d’Italia

Sono di nuovo qua per raccontarvi di vacanze con il cane e...

Cosa vedere a Reggio Emilia (con il cane e...

Finalmente mi sono decisa a scrivere della mia città, della città in cui vivo...

Popular Categories

Comments

    • Anche il giorno prima per il giorno dopo, ma più che altro per risparmiare tempo e perché viaggiando con il cane è meglio essere certi che la struttura li accetti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.