Italia Emilia Romagna Via Roma: la strada sbagliata!

Via Roma: la strada sbagliata!

Reggio Emilia – Via Roma

In ogni città ci sono Vie Maestre, vie principali: quelle del passeggio, quelle dello shopping e dei bei negozi. Per l’Emilia Romagna la via principale è la Via Emilia! Da quando vivo a Reggio Emilia ho scoperto che la Via Emilia è il punto di riferimento per ogni cosa: per le indicazioni stradali, per trovare un negozio, per l’aperitivo o per la “vasca” in centro al sabato pomeriggio. Tutto ruota intorno alla Via Maestra.

E poi ci sono le vie laterali, piccole, nascoste, alcune sconosciute altre conosciute male. E’ il caso di Via Roma: tanto cara agli anziani reggiani, tanto poco considerata dai giovani reggiani. In Via Roma non ci sono le grandi catene di negozi, ma le piccole botteghe, in via Roma non ci sono gli aperitivi, ma il profumo di Kebab, in via Roma non ci vai con i tacchi ma solo se vuoi ascoltare.

20160514_165912

Via Roma è il luogo del riscatto, il posto in cui le singole persone diventano comunità e scelgono l’arte per farsi conoscere, per far cambiare idea, per vivere finalmente di luce propria e non più all’ombra della strada maestra. Ed è così che questi 500 metri si animano del circuito Off di Fotografia Europea 2016, è così che nasce “Questa non è la Via Emilia”.

Le fotografie in mostra, proprio come i 500 metri che stiamo attraversando, hanno un’anima. Non è una semplice passeggiata in centro, sembra quasi di entrare in casa delle persone, nella loro vita, lungo il loro cammino, sulla loro strada.

20160520_173307

Tutte le mostre sono belle, piene di significato e anima appunto, ma sono tre quelle che ci hanno colpito particolarmente:

TRACCIA SS9 di Lorenzo Vignali: parte con una frase che ci piace ricordare

“Di notte, le storie di chi attraversa la Via Emilia restano impresse nelle scie di luci tracciate dalle auto. Così emergono nuovi particolari invisibili al giorno”

95c3bc_c68a82a2c1ec43d8b2a903b4aa390b0b

Lorenzo viaggia e fotografa la vita notturna. La sua mostra, totalmente al buio, illuminata solo da una torcia, rappresenta al meglio il suo cammino. Lorenzo fotografa luoghi che vivono di notte diversamente che di giorno: tabaccherie solitarie, bar notturni, giornalai che vedono l’alba.

95c3bc_65cb368ed83c487ab6f6a22b74bac1d7

LA BELLEZZA DELLE PICCOLE COSE di Cristiano Bonassera è una mostra che ti entra nell’anima. Foto di gesti quotidiani in cui ognuno di noi può rivedersi: coppie, famiglie, genitori, figli, cani… carezze, occhi, sorrisi. In ognuna di quelle foto c’è l’amore per la vita, la bellezza di gesti semplici e quotidiani.

ferraguti-02-1280x1280

“Una mano che si posa per accarezzarci i capelli, un sorriso che sgorga per darci conforto in un momento difficile, una mano grande e nodosa che ci sorregge quando siamo ancora intenti a fare piccoli passi.

Sono gesti quotidiani che si ripetono nell’arco di una vita, gesti che, a volte, restano invisibili, ma che sono carichi di un’infinita bellezza. ”

pedrazzoni-03-1280x1280

IL VIAGGIO NELLA VALIGIA di Clara Pignagnoli. Come non essere attratti da una vecchia valigia di famiglia, di quelle che se potessero parlare altro che blog di viaggi! Eh già, perché è proprio il viaggio di questa valigia e degli oggetti che custodisce al suo interno il tema di questa mostra. Lungo strade sconosciute, in stazioni ferroviarie solitarie, su binari dimenticati… questa Valigia va, viaggia, vive. E penso… a volte vorrei essere una valigia!

20160514_170401

Ci sono luoghi che agli occhi poco attenti paiono sbagliati o senza senso… Via Roma è riuscita a riscattarsi dal suo strano destino! E a me piace dedicarle i versi del poeta degli ultimi, uno che in Via Roma ci si sarebbe trasferito e forse ci avrebbe scritto anche una canzone, se solo avesse avuto modo di conoscerla… conoscerla davvero!

“Non vi conviene

venir con me dovunque vada,

ma c’è amore un po’ per tutti

e tutti quanti hanno un amore

sulla cattiva strada

sulla cattiva strada.” – Fabrizio De Andrè

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei...

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.