Un giorno a Digione con il cane: sulle tracce della civetta!

Digione è la capitale della Borgogna, la famosa regione francese dei vini. Anche quest’anno siamo stati in Francia con il nostro cane e abbiamo deciso di fare tappa a Digione per poi proseguire verso la Loira.

Mai scelta fu più azzeccata. Subito non sapevo bene cosa c’era da fare e da vedere a Digione, visto il poco tempo a nostra disposizione. Poi come spesso ci capita, abbiamo semplicemente deciso di partire a piedi alla scoperta di questa bella città.

In nostro aiuto, oltre al fiuto di Biagio (non si sa come, ma ci porta sempre nei luoghi giusti) è venuta una piccola civetta. Mentre camminate guardate a terra e scoprirete tante piccole civette, incastonate nella pavimentazione del centro storico, che vi seguono e vi accompagnano.

Ma cosa sono queste civette? Tutto nasce da un rituale apotropaico, un po’ come il porcellino a Firenze o la tetta di Giulietta a Verona, o le palle del povero toro di Milano. Ecco proprio un rituale come questo ha trasformato una piccola civetta nel simbolo della città di Digione. Sul lato sinistro della Chiesa di Notre-Dame, in rue de la Chouette (Via della Civetta, appunto) c’è un piccolo bassorilievo, scolpito in uno dei pilastri della facciata laterale. Questo bassorilievo rappresenta appunto una civetta.

E cosa ha di così importante questa civetta? Beh la tradizione vuole che chiunque accarezzi la civetta con la mano sinistra (io non so se ho azzeccato mano!) potrà esprimere un desiderio e questo si realizzerà quanto prima. Ed ecco che anche Digione ha il suo rito mistico.

Oggi la civetta è praticamente irriconoscibile. Negli anni, migliaia e migliaia di carezze hanno eroso la pietra! Ma l’ufficio del turismo di Digione ha voluto ricalcare questo rito e ha deciso di utilizzare la civetta proprio come simbolo della città. Le piccole civette, figlie di quella ben più antica e conosciute, accompagnano i turisti alla scoperta della città di Digione in un percorso che tocca tutti i punti più importanti e caratteristici della città.

Quindi cosa vedere a Digione in un giorno?

Chiesa di Notre Dame: Noi siamo appunto partiti dalla Cattedrale di Notre Dame, uno splendido esempio di gotico. All’interno le vetrate lasciano a bocca aperta, sia perché fanno entrare la luce dall’esterno e illuminano tutta la chiesa, sia per le immagini sacre presenti.

Palazzo Ducale di Digione o Dei Duchi di Borgogna: è uno dei punti più interessanti e belli della città di Digione. Ha una bellissima struttura signorile e concentra all’interno tutta la storia della famiglia reale. Oggi il Palazzo Ducale ospita il Museo delle Belle Arti di Digione, che ospita una ricca collezione di opere d’arte e ripercorre tutta la storia del palazzo.

Piazza della Liberazione: proprio di fronte al Palazzo Ducale c’è la piazza più bella della città. Questa grande piazza circolare è il vero fulcro della città. Tutto intorno alla piazza ci sono ristoranti e bar dove d’estate le distese estive permettono alla gente di cenare fuori. Le splendide fontane a terra saranno l’attrazione principale dei vostri bimbi e magari anche dei più grandi. Difficile non rimanere affascinati da questa bellissima piazza.

Cattedrale di Digione: La Cattedrale di Digione è un bell’esempio gotico del XIV secolo. Le due torri gemelle di questa cattedrale sono diventate anche il simbolo della città. All’interno ospita anche un piccolo museo e la cripta di san Benigno, il patrono della città di Digione.

Giardino Botanico -Jardin Darcy: Una bella passeggiata per chiudere al meglio una giornata a Digione è sicuramente all’interno del Giardino Botanico. Il simbolo di questo giardino è un enorme e bellissimo orso bianco, che accoglie la gente all’ingresso del giardino. Passeggiare qui al fresco, tra i prati e la aiuole curate. E’ ovviamente il posto più bello da vedere con il vostro cagnolino!

Queste sono le attività che siamo riusciti a fare noi in un giorno a Digione con il cane. La cittadina di Digione si scopre tutta a piedi e questo rende la visita insieme ad un cane davvero facile e tranquilla. A noi Digione è piaciuta molto, forse l’unica nota dolente (se proprio vogliamo trovare un difetto) è il fatto che molti francesi sono abituati a portare il proprio cane senza guinzaglio!

Per il resto a Digione abbiamo avuto la conferma che lo stereotipo del francese antipatico e con la puzza sotto il naso è davvero una cavolata. Perché? Perché abbiamo conosciuto solo dei francesi gentili, addirittura una signora si è fermata a chiederci come stiamo dopo la tragedia di Genova (siamo partiti per le nostre ferie proprio un paio di giorni dopo) e poi ci ha accompagnato fino a Piazza della Liberazione, ci ha indicato dove mangiare e ci ha augurato uno splendido soggiorno in Francia. Questo è stato il nostro primo approccio a Digione e alla nuova avventura francese.

Digione e la sua senape!

Se non lo sapete, Digione è famosa non solo per il vino della Borgogna, ma soprattutto per la senape. Noi non lo sapevamo, come dicevo all’inizio siamo arrivati qui abbastanza ignari di ciò che avremmo visto e scoperto. La Moutard, come viene chiamata in Francese ha un’origine antica, risale infatti al XIV secolo. I grani di senape venivano importati dal Canada o dai Pesei dell’Est e dopo essere stati schiacciati e messi a fermentare insieme al vino bianco (a volte aceto), si trasformano in un olio piccante. Il fatto di essere in una regione come la Borgogna, ricca di vini, è stata la vera fortuna della moutard di Digione.

Ma la vera curiosità, che ho letto nella guida trovata in albergo, è che per un chilo di moutard servono ben 500.000 grani di senape!!!

Noi abbiamo preso due confezioni di senape e la useremo come condimento alle carni in questo lungo inverno che ci aspetta.

In conclusione…Digione è una bella tappa per iniziare un on the road in Francia. Noi dopo ci siamo spostati nella Loira, ma va benissimo anche per chi poi decide di andare a Parigi e poi verso nord, o per chi si sposta poi verso Strasburgo e la regione dell’Alsazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.