E’ una di quelle serate…

2

Essì, oggi è il giorno giusto per partecipare ad un bel Tag inventato e proposto da Donatella di My Home is a Luggage: #poicisonoquelleserate!

Io però l’ho un po’ trasformato, nel mio caso è diventato: E’ una di quelle serate che…

una-di-quelle-serate

E’ UNA DI QUELLE SERATE CHE…

… 5 anni dopo sembra tutto come prima, non è cambiato niente

… che hai voglia di festeggiare, un nuovo contratto, una nuova vita… chissà

… da concerto, uno di quei concerti in cui urli talmente tanto da superare il suono delle casse, superare il suono di tutte le altre voci

E’ una di quelle serate in cui… una caipirinha, due caipirinhe, tre caipirinhe

… in cui ti senti libera e il concerto diventa un sottofondo musicale lontano

… in cui ti senti in una realtà parallela, il mondo intorno a te gira e tu non te ne accorgi

… in cui il cielo è stellato, anche in Pianura Padana

… in cui inizia la tua nuova vita, senza fartelo sapere

E’ una di quelle serate che… cinque anni dopo, se ci ripensi, ti fa battere ancora forte il cuore! 

E poi ci sono quelle serate che rendono la vita più bella e dovrebbero essercene tante ma a volte ci si accontenta, soprattutto se basta il ricordo di quelle serate per far riaffiorare ricordi e sorrisi. Ci sono quelle serate che auguro a tutti, perché alcune sere la vita è più bella! Ci sono alcune serate che arrivano da sole, altre che bisogna crearle. Cinque anni fa è arrivata da sola, come se la vita avesse voluto farmi un regalo; cinque anni dopo la ricreo: nuove emozioni sicuramente, ma come sempre da ricordare.

E poi ci sono quelle serate che vuoi condividere, con tutti, perché la gioia, molto più del dolore, ci piace condividerla. E quindi perché non approfittarne, dopotutto i blog servono anche a questo.

Stasera auguro a tutti…. Una di quelle serate! Io sono pronta per la mia!

Articolo precedenteDove mangiare e dormire a Serra San Bruno
Articolo successivoFriburgo in Brisigovia, una città in cui vivere
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.