Napoli in un giorno: cosa fare e cosa vedere

A novembre siamo stati nella Penisola Sorrentina per un viaggio in treno che ci è piaciuto molto e che consigliamo a tutti vivamente. Durante questo viaggio ovviamente siamo stati anche a Napoli ma solo per un giorno. Qualcuno dirà che un giorno a Napoli è davvero poco e probabilmente hanno ragione, ma se si ha poco tempo a disposizione l’importante è non sprecarlo.

Siamo arrivati a Napoli in treno e da lì con la metro abbiamo raggiunto la via principale e più conosciuta di Napoli: via Toledo. Per chi non lo sapesse la fermata metropolitana Toledo è una delle più belle di Napoli, d’Italia e d’Europa! Mi ha ricordato le fermate metropolitane di Stoccolma che sono un vero e proprio museo gratuito della città e sono conosciute in tutto il Mondo!

Appena scesi dalla metro ci siamo ritrovati tra la folla e col sole in faccia. Su via Toledo ci si va soprattutto per fare una bella passeggiata e per lo shopping, è infatti la via dei negozi ma è anche la via che porta in molte zone di Napoli assolutamente da non perdere.

Ed è da qui che parte il nostro tour a piedi di Napoli in un giorno.

Napoli in un giorno: i Quartieri Spagnoli

Passeggiando per via Toledo per prima cosa ti ritrovi con tante vie che risalgono a destra e a sinistra della via principale, tra cui le piccole viuzze degli ormai famosi Quartieri Spagnoli. Inutile dire che passeggiare fra quelle vie è irresistibile ed è consigliabile per chi vuole assaporare davvero il profumo della vita napoletana.

Un tempo i Quartieri Spagnoli erano un luogo malfamato e in cui era meglio non andare, oggi non è più così: negli ultimi anni è stato fatto molto per rendere questa zona più sicura e riportare alla luce i tanti gioielli architettonici che tra queste vie sono custoditi.

Purtroppo ancora oggi sono poco frequentati dai turisti, sbagliando a mio avviso. Come dico spesso, il modo migliore per conoscere le città è passeggiare fra i sui quartieri più autentici, fra le sue vie, fra la sua gente… i Quartieri Spagnoli sono esattamente questo per Napoli e sono al centro della città. Quindi vi consiglio di allontanarvi per un attimo dalla via principale, lasciare via Toledo e scoprire questa zona davvero autentica di Napoli.

Napoli in un giorno: Galleria Umberto I

Una volta ritornati su Via Toledo, proseguiamo la nostra passeggiata a piedi per scoprire Napoli in un giorno e arriviamo fino alla Galleria Umberto I. Basta entrarci e buttare un attimo l’occhio per pensare che è davero splendida e pensare che è stata costruita solo in 3 anni (1887 – 1890), negli stessi anni in cui a Parigi veniva eretta la Torre Eiffel. Beh la Galleria Umberto I non è sicuramente da meno, con i suoi numeri da far girare la testa: lunghezza massima 147 metri, larghezza 15, altezza 34 e mezzo, il vertice della cupola a 57 metri.

Essendo proprio in centro e molto vicina ai luoghi simboli di Napoli, oggi la Galleria Umberto I è il centro mondano della città, qui troverete splendidi negozi e potrete gustare un aperitivo ammirando la sua splendida struttura.

Napoli in un giorno: Teatro San Carlo

Uscendo dalla Galleria Umberto I vi troverete praticamente davanti allo splendido Teatro San Carlo. Pare che Stendhal proprio alla vista del Teatro San Carlo ebbe la sua crisi, quella che oggi tutti conosciamo come Sindrome di Stendhal e che provoca tachicardia, vertigini, capogiri nei soggetti che si trovano di fronte ad un’opera d’arte. Di sicuro riferendosi al Teatro di Napoli, Stendhal scrisse:

“Non c’è nulla in tutta Europa, che non dico si avvicini a questo teatro, ma ne dia la pallida idea. Gli occhi sono abbagliati, l’anima rapita…”

In ogni caso il Teatro San Carlo è il Teatro d’Opera più antico del mondo, tra quelli attivi ancora oggi. La struttura è del 1737 (41 anni prima della Scala di Milano e 55 anni prima della Fenice di Venezia!). Ma questo non è l’unico primato: è uno dei più capienti d’Italia, con i suoi 1386 posti, e per Best5.it è il teatro più bello del mondo! 

Il teatro è aperto alle visite tutti i giorni dalle 10 alle 17 e vi si accede tramite visite guidate, in varie lingue. Controllate gli orari delle visite che c’è di solito fuori dall’ingresso della biglietteria del teatro. La visita non dura tantissimo e io consiglio di inserirla nel vostro tour, anche se siete a Napoli solo per un giorno. Vi posso assicurare che ne vale davvero la pena, mai visto un teatro così bello!

Napoli in un giorno: Piazza del Plebiscito

Piazza del Plebiscito è il vero cuore di Napoli: tutto il mondo la conosce e tutti i turisti affluiscono qui. Io appena ci ho messo piede non ho potuto fare a meno di ricordare le immagini di questa piazza gremita di gente al funerale di Pino Daniele e mi sono commossa. E’ talmente grande e bella che vale la pena sedersi sotto le colonne del portico e rimanere un po’ lì a godersi di cotanta bellezza. In alcuni momenti è anche giusto fermarsi, anche se si ha poco tempo non sempre è giusto correre… viaggiare vuol dire anche fermarsi, osservare, ammirare e imprimere tutto nei propri pensieri. E questa piazza sembra perfetto per fermarsi un attimo, anche più di un attimo in realtà, riposare le gambe e magari mangiare un bel gelato.

Napoli in un giorno: Palazzo Reale

Proprio di fronte al colonnato sotto cui vi siete fermati ad ammirare Piazza del Plebiscito c’è la facciata frontale di Palazzo Reale, altra opera di Napoli assolutamente da non perdere. Certo visitare Palazzo Reale all’interno vi porterà via un po’ di tempo, quindi valutate bene. Noi ad esempio abbiamo deciso di rimandare la visita ad una prossima volta (tanto a Napoli ci si torna di sicuro!).

Se però decidete di visitare Palazzo Reale anche all’interno vi lascio qualche info. Il Palazzo è aperto dal Lunedì al Venerdì fino alle 17 e il Sabato fino alle 14. E’ possibile prenotare la visita e acquistare il biglietto direttamente sul sito, così da risparmiare tempo.

Napoli in un giorno: il Lungomare

Napoli non è solo centro storico, Napoli è soprattutto mare e Vesuvio. Costeggiate Palazzo Reale e scendete verso il Lungomare di Napoli per ammirare la bellezza del suo mare e del Vesuvio che si erge grande e pericoloso su tutto il golfo! Siete rimasti a bocca aperta? Tranquilli è normale! Anche in questo caso il mio consiglio è di passeggiare lentamente sul lungomare, sedersi spesso e ammirare questo spettacolo della natura che tanto affascina e spaventa.

Non sono napoletana eppure quando siamo ripartiti da qui mi è venuto spontaneo salutare il Vesuvio come fosse un amico o un parente, sapendo che ne sentirai la mancanza una volta andata via. Non oso immaginare che sentimento di nostalgia avvolga i napoletani che vanno via e non possono godere ogni giorno della sua presenza.

Napoli in un giorno: il Maschio Angioino

Dal lungomare si arriva ad un altro simbolo di Napoli: Castelnuovo o il Maschio Angioino. Fu eretto tra il 1279 e il 1284 da Carlo I D’Angiò, ed è per questo che è detto Angioino. Mentre è stato chiamato “nuovo” per distinguerlo da altri castelli già presenti in città, come Castel dell’Ovo e Castel Capuano.

E’ ovviamente possibile visitarlo all’interno, dove è rimasta intatta la Cappella Palatina, oggi sede del Museo Civico. Per maggiori info vi lascio il link dedicato.

Il Castel Nuovo (Maschio Angioino) a Napoli

Napoli in un giorno: Napoli Sotterranea

Siete stanchi? Allora prendete la metro e dirigetevi verso la fermata Dante, poi da lì in 10 min percorrendo Via dei Tribunali arrivate all’ingresso della Napoli Sotterranea. Se avete ancora energia e tempo questo luogo è perfetto e va assolutamente visitato.

E’ un tour nel ventre della città, alla scoperta di luoghi e opere nascosti per anni e oggi riportati alla luce grazie al lavoro dell’associazione Napoli Sotterranea.

Partecipare all’escursione significa compiere un viaggio nella storia lungo ben 2400 anni, dall’epoca greca a quella moderna, a 40 mt di profondità tra cunicoli e cisterne. Durante l’escursione oltre ad ammirare i resti dell’antico  acquedotto greco-romano e dei rifugi antiaerei della Seconda Guerra Mondiale, si visiteranno il Museo della Guerra, gli Orti Ipogei, la Stazione Sismica “Arianna” e tanto altro ancora.

Napoli in un giorno: la Via dei Presepi

E finiamo in bellezza questo tour (de force) di Napoli in un giorno facendo una passeggiata in via San Gregorio Armeno, meglio conosciuta come la via dei Presepi. Il periodo clou per passeggiare qui è sicuramente il periodo natalizio, dall’8 Dicembre fino al 6 Gennaio, ma in generale anche negli altri periodi dell’anno troverete i negozietti di presepi aperti e sempre ricchi di statuine di ogni genere.

Dopotutto la caratteristica dei presepi napoletani è proprio l’essere stravaganti e “diversi”. Non solo i pastori e i Re Magi, ma comici, attori, politici e tutti quei personaggi che rappresentano il periodo che stiamo vivendo!

Alla fine di questa giornata avrete le gambe pesanti, i piedi gonfi e il cuore pieno di gioia! Perché Napoli è davvero speciale, così ricca di vita, arte, colori e profumi che ti entra dentro e non ti lascia!

Dicono “Vedi Napoli e poi muori”, beh io direi che prima di morire voglio vederla ancora e ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.