Halloween è nato a Serra San Bruno!

Ci siamo, fra pochi giorni è Halloween e già si leggono le solite storie sul festeggiare o no una festa che “non è nostra”. A parte che nel 2017 pensare a cosa è nostro o cosa non lo è mi sembra una fesseria. Si sta a discute sui social su feste e tradizioni solo autoctone quando Fb, Twitter, cellulari e pc tutto sono tranne che “nostri”. Detto ciò, a me la festa di Halloween non fa impazzire, o meglio non mi piacciono le feste in maschera in discoteca. Mentre a scuola mi diverto molto a costruire zucche e pipistrelli coi miei alunni e soprattutto ogni anno ripenso alla tradizione del ponte dei morti nel mio paese.

A Serra San Bruno, infatti, già da molto prima della globalizzazione, i bambini si preparano alla vigilia della festa dei morti intagliando le zucche. Jack – o’ – Lantern? No noi lo chiamiamo “Lu coccalu“. Cosa vuol dire?  Teschio o più semplicemente testa. E’ infatti ad un teschio che assomiglia la zucca intagliata ed è con questo coccalu (con all’interno una piccola candela) che i bambini vanno in giro per le vie del paese e chiedono ai passanti: “Mi lu pagati lu coccalu?“.

Non proprio dolcetto o scherzetto come dicono gli americani, ma più una richiesta di obolo che poi verrà utilizzato per comprare i fiori da portare al cimitero il giorno dei Morti o uniti insieme agli spiccioli degli altri per comprare caramelle e leccornie da dividere e mangiare tutti insieme.

Questa tradizione risale a molti molti anni fa ed è rimasta intatta, a Serra San Bruno ancora oggi i bambini non chiedono trick or treat ma il più genuino e tradizionale “mi lu pagati lu coccalu?”.

L’antropologo calabrese Luigi Maria Lombardi Satriani, professore all’Università La Sapienza di Roma, è convinto che, l’ormai internazionale, festa di Halloween abbia proprio origini da questa tradizione calabrese e sia poi arrivata in America insieme ai nostri emigrati. Una contaminazione, quindi, della festa dei morti che da anni si fa nelle nostre strade… Jack-o-london non sarebbe altro che lu coccalu che ogni anno intagliavo con mio nonno! 

La cosa potrebbe quasi far sorridere, eppure questo dimostra che le contaminazioni, la globalizzazione come la chiamiamo oggi, è nata insieme agli uomini e insieme alla loro voglia e al loro bisogno di spostarsi, di cambiare continuamente luogo, ieri oggi e domani. Certo è bello mantenere le nostre tradizioni, ma se gli stessi bambini a Serra San Bruno continuano a dire “mi lu pagati lu coccalu” vestiti da mostri, mummie, streghe e scheletri, così come fanno i bambini americani, che male c’è?

Vi piacciono le feste e le tradizioni? Volete scoprire un’altra tradizione di Serra San Bruno? Leggete il post cliccando il link:

https://www.vieniviadiqui.it/wpvieni/settimana-santa-serra-san-bruno/

Ma soprattutto, avete voglia di venire a Serra San Bruno? Leggete i miei consigli:

https://www.vieniviadiqui.it/wpvieni/racconto-la-mia-citta-serra-san-bruno/

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

15 cose da fare gratis a Edimburgo

Edimburgo è la città europea che amo di più. E' bastato fare...

Cosa mettere nella valigia di un cane viaggiatore

Biagio, da vagabondo quale è, ha la sua valigia di cane viaggiatore! Proprio come...

Cosa vedere in Emilia Romagna: 25 luoghi da non...

Ci sono luoghi che troppo spesso diamo per scontato e che invece...

25 citazioni di viaggio: le frasi sui viaggi più...

Amo tantissimo gli aforismi di viaggio, quelle citazioni che rappresentano l'amore per...

Spiagge per cani in Italia: le 25 migliori d’Italia

Sono di nuovo qua per raccontarvi di vacanze con il cane e...

Cosa vedere a Reggio Emilia (con il cane e...

Finalmente mi sono decisa a scrivere della mia città, della città in cui vivo...

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.