Travel Italia Gnocco fritto ed erbazzone: il cibo da parco!

Gnocco fritto ed erbazzone: il cibo da parco!

Stavo scambiando due parole a proposito dello Street Food Festival appena concluso a Reggio Emilia (di cui parliamo qui) e mi son sentita dire:

Al Nord il cibo da strada non si usa

Non è assolutamente vero! Gli stuzzichini da mangiare con le mani non hanno patria! Non esistono solo gli arancini siciliani o le bruschette pugliesi!

Voglio proprio smentire questa frase e quindi il nostro viaggio oggi si ferma a Reggio Emilia. Giochiamo in casa e parliamo dello street food di queste parti. Provincia che vai, nome che trovi, ma la sostanza è la stessa: parleremo proprio dello “gnocco fritto” reggiano, alias “torta fritta parmigiana” ecc.

Nella nostra città, quando inizia il bel tempo, iniziano a vedersi dei cartelli invitanti, soprattutto la domenica:

Ore 18:00 gnocco fritto

Capita soprattutto in prossimità dei parchi e delle parrocchie: ci sono dei volontari, di solito simpatici vecchietti, armati di guanti e grembiule che scaldano lo strutto in un calderone pronti a immergerci questi gustosi quadratini di pasta, che grazie al calore, si gonfiano diventando croccanti e gustosi!

Questi vecchietti lavorano senza sosta per diverse ore, perché davanti a loro si formano delle file considerevoli! Quasi sempre c’è anche in azione una affettatrice che taglia prosciutto, salame e mortadella, perché il famoso quadratino, come mi è stato insegnato la prima volta che l’ho mangiato, si gusta mettendoci in mezzo una fetta di prosciutto o di salame e lo si piega in due, in modo che il calore vada a sciogliere il grasso del salume.

gnocco-fritto

Altro che non si usa! Non esiste una sagra che si rispetti, che non abbia il chioschetto dello gnocco fritto da queste parti.

E c’è solo quello? Assolutamente no!
Di solito in questi chioschetti, oltre allo gnocco, si può trovare anche un’altra torta salata tipica di queste parti: l’erbazzone. L’originale reggiano consiste in un ripieno di bieta, spinaci e parmigiano, tra due sottilissime sfoglie di pasta, anche essa preparata con lo strutto.

Poi c’è l’erbazzone fritto, che consiste in un triangolino di pasta (la stessa dello gnocco) ripieno di verdure e fritto nello strutto.

E poi c’è l’erbazzone montanaro, che lontano dalla montagna si trova meno: è fatto anche esso con bieta e spinaci, ma ha anche il riso nel ripieno, e poi non è coperto dalla pasta.

Mi stavo quasi dimenticando della polenta fritta!  Trancetti di polenta impanati e fritti, da leccarsi i baffi! Insomma, noi italiani siamo appassionati di cibo da strada, non importa da dove veniamo!

Andremo mai via dall’Italia? Certo che si! Il nostro viaggio continua, volete venire?

Related Stories

Discover

Cosa vedere a Trento in due giorni

Trento è una città piccola ma ricca di cose da fare e...

Dove andare in Italia in 7 giorni: 10 itinerari...

Il 2020 sarà l'estate italiana per eccellenza: 4 italiani su 10 scelgono...

Cosa vedere a Digione in un giorno: sulle tracce...

Digione è la capitale della Borgogna, la famosa regione francese dei vini....

Lago Calamone e Monte Ventasso: scoprendo l’appennino tosco emiliano

Nei primi anni in cui è arrivato Biagio, avevamo iniziato a fare...

Case a graticcio: cosa sono e dove vederle

Ho scoperto le case a graticcio guardando qualche foto su Instagram quando...

Cosa vedere a Torino in un giorno: 5 tappe...

Sono stata tre volte a Torino e credo che ci tornerò ancora....

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.