Travel Italia Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei racconti di mia mamma e dei miei zii. Inoltre da piccoli andavano a Torre Mileto, una delle tante località di mare del Gargano. Eppure solo negli ultimi anni ho scoperto Vieste, la “perla del Gargano” e soprattutto ho scoperto quanto è bella! Quando scopri un luogo così non puoi fare a meno di parlarne, anche se Vieste non ha di certo bisogno del mio blog per essere conosciuta dal grande pubblico, ma visto che si siamo stati qualche anno fa e visto che ho i miei zii che mi mandano spesso foto… beh eccomi qui a scrivere questo articolo su cosa vedere a Vieste.

Le spiagge più belle di Vieste

Le spiagge di Vieste sono in genere con fondali sabbiosi e bassi e soprattutto sono larghe e profonde, quindi è difficile non trovare posto lungo queste lunghe spiagge. E’ quindi il luogo ideale dove passare una vacanza di pure mare e relax, sia se si viaggia in coppia, con amici o con l’intera famiglia.

SPIAGGE DI VIESTE
Ph di Valeria Lagazzoli

Spiaggia di San Lorenzo

E’ una delle spiagge più vicino al centro storico di Vieste, sul lato nord, ed è la spiaggia più utilizzata dai cittadini di Vieste. Ha un fondale sabbioso ed è molto ampia, per questo è molto facile trovare posto senza accalcarsi. Ci sono molti lidi e stabilimenti balneari.

Spiaggia della Scialara o di Pizzomunno

Eccola qui, la spiaggia più famosa di Vieste. Detta anche “spiaggia del castello” perché situata proprio di fianco al Castello Svevo che la sovrasta. Ultimamente è conosciuta anche grazie alla presenza del faraglione di Pizzomunno, diventato famoso e scoperto in tutta Italia con la canzone di Max Gazzè che ne racconta la bellissima leggenda.

Spiaggia di pizzomunno Vieste
Ph di Valeria Lagazzoli

Il Pizzomunno, dal dialetto viestano “pezzo di mondo“, è un monolite in pietra calcarea bianca alto circa 25 metri.

La leggenda di Pizzomunno

Pizzomunno era un giovane pescatore che abitava in un villaggio di capanne; nello stesso villaggio viveva una giovane di nome Cristalda, e tra i due nacque l’amore. Tuttavia, ogni giorno Pizzomunno, con la sua barca, andava per mare e le sirene, ammaliate dal suo sorriso, emergevano dalle onde e intonavano in suo onore canti marini. Queste creature erano prigioniere dello sguardo di Pizzomunno e tante volte gli offrirono l’immortalità se fosse divenuto loro re ed amante. Ma Pizzomunno amava solo Cristalda e le offerte delle sirene erano inutili. Una delle tante sere in cui Cristalda e Pizzomunno erano andati ad attendere la notte sull’isolotto di fronte alla costa, le sirene, prese da un accesso di gelosia, aggredirono Cristalda e la trascinarono nelle profondità marine. Pizzomunno invano rincorse la voce dell’amata. Il mattino successivo i pescatori trovarono sulla spiaggia quel bianco scoglio che la leggenda dice essere il giovane Pizzomunno pietrificato dal dolore. Secondo la leggenda, ogni cento anni Cristalda torna dalle profondità marine per ritrovare il suo giovane amante e rivivere, per una sola notte, il loro amore.

(fonte Wikipedia)

La scala dell’Amore

Pensata durante la prima edizione del Vieste in Love, il comune ha deciso di dipingere una delle tante scale che collegano la porta alta della città vecchia con Corso Fazzini, proprio vicino al Municipio di Vieste. Sui gradini di questa scala sono dipinte le parole della famosa canzone di Max Gazzè ispirata dalla Leggenda di Pizzomunno. E visto che a noi piacciono le leggende, soprattutto quelle romantiche, già si dice che percorrendo quella scala insieme alla persona amata si rimarrà uniti per sempre… provare per credere!

Altre spiagge di Vieste

Tra le altre spiagge di Vieste che meritano un tuffo in acqua cristalline ci sono:

  • Baia di Vignanotica, una splendida spiaggia di sabbia bianca incorniciata da meravigliose falesie;
  • Spiaggia di Scialmarino, un lungo arenile dal basso fondale di sabbia
  • Marina Piccola, una baia in pieno centro storico di Vieste, un luogo davvero affascinante dove fare un bagno.

Cosa vedere nel centro storico di Vieste

Il centro storico di Vieste è comunemente chiamato “Vieste vecchia” e si estende su un sperone roccioso che va dalla spiaggia del castello a quella della Marina piccola, lungo quella sottile lingua di terra chiamata Punta San Francesco.

Il borgo antico di Vieste è di origine medievale e queste sue origini si possono vedere nei suoi vicoli stretti, balconi/belvederi sul mare e case costruite addossate l’una alle altre, il tutto circondato dalle alte mura cittadine. Passeggiare tra le sue strette vie, soprattutto di sera, è davvero incantevole e molto suggestivo.

CENTRO STORICO VIESTE VECCHIA
Ph di Valeria Lagazzoli

La Cattedrale di Vieste

La Cattedrale di Vieste si trova nella zono alta del borgo medievale, vicino al Castello Svevo. E’ caratterizzata da due stili: la chiesa conserva ancora il primitivo stile romanico- pugliese, mentre il campanile che svetta è in stile barocco. E’ una delle chiese più antiche della regione in stile romanico.

L’interno è diviso in tre navate, quella centrale e le due laterali. E custodisce la statua della Madonna di Santa Maria di Merino (pregevole scultura in legno XIV sec.) che la tradizione dice essere rinvenuta da alcuni marinai sulla spiaggia di Vieste.

Il Castello Svevo

Il Castello Svevo di Vieste è stato costruito da Federico II nel 1242 come “regia fortezza”, dopo l’incursione dei Veneziani lungo la costa. Pare che Federico II abbia soggiornato a Vieste, all’interno del castello, due volte: nel 1240 e il 20 gennaio 1250.

Oggi è sede militare e per questo motivo è possibile visitarlo solo durante alcuni esempi e da pochi anni anche nel periodo estivo.

Punta San Francesco

Punta San Francesco è la punta della penisola su cui sorge il centro storico di Vieste. La caratteristica principale di questo luogo è il roccione va a finire direttamente sul mare e per tale motivo è stata abitata fin dai tempi più remoti. Il nome di questa penisola è legato alla chiesa e al monastero che sorgono proprio alla sua estremità. Questo complesso religioso venne fatto costruire, nel 1438, dai coniugi viestani, Algragio e Narda, per donare un convento alle suore Clarisse. Purtroppo il convento non durò molto e sulle sue ceneri fu costruita la chiesa e con Monastero che ospitò i Frati Francescani.

Le Grotte marine di Vieste

La costa del Gargano è una delle coste più belle della Puglia e non solo. Soprattutto lungo il tratto che va da Vieste a Mattinata, lo scenario è magnifico grazie alle alte falesie bianche che si gettano a strapiombo sul mare e formano delle grotte e insenature di spiaggia bianca raggiungibili solo via mare.

Le grotte marine di Vieste sono della ampie cavità scavate dall’acqua del mare, che crea delle vere e proprie gallerie, dove grazie alla luce filtrante del sole e all’acqua del mare si assiste a colori e sfumature davvero incantevoli. Sono state scoperte, nel 1954, da due pescatori viestani, quando ancora il Gargano non era meta del turismo di massa. Oggi invece il giro alle grotte è una delle attività più belle e più conosciute di questa località.

Grotte marine di Vieste
Ph di Valeria Lagazzoli

Secondo la leggenda, in queste grotte si nascondevano le Sirene ed è proprio in queste grotte che le mostruose sirene imprigionavano le belle fanciulle di cui erano gelose.

I nomi delle grotte marine di Vieste sono tanti e molto particolari, ispirati dalla loro forma, dimensione e dalle storie a cui sono legate:

  • la Grotta campana grande che ha la forma di una mestosa campana alta 70 metri e ricoperta di muschio vellutato .
  • la Grotta dei contrabbandieri con doppia uscita che, una volta, agevolava la fuga dei contrabbandieri .
  • la Grotta delle rondini al cui interno hanno nidificato i simpatici pennuti
  • la Grotta sfondata è come un antico castello che il tempo ha demolito la parte superiore da dove i pini d’aleppo si specchiano nelle acque smeralde .
  • la Grotta due occhi caratterizzata da due piccole aperture scavate dalle onde del mare .
  • la Grotta smeralda in cui il mare e la luce si riflettono sulle pareti creando suggestivi effetti di colore.
  • la Grotta dei pomodori sulle cui pareti vi sono molluschi rossi a forma di pomodoro.
  • la Grotta delle sirene dove secondo la leggenda un tempo dimoravano le sirene.

Cosa mangiare a Vieste

Siamo in Puglia, una regione con una tradizione gastronomica ricca e importante, e ve lo dice una che mangia piatti pugliesi da quando è nata. Uno dei ricordi più vividi di mia nonna è seduta davanti al “tavoliere” che fa orecchiette e troccoli. In Italia si mangia bene ovunque, questo è un dato di fatto, ma per me la cucina pugliese è la migliore. Ma cosa si mangia a Vieste?

Piatto di pesce cosa mangiare a vieste
Ph di Valeria Lagazzoli

Oltre alle tipiche orecchiette, qui siamo al mare quindi tra i piatti tipici ci sono di sicuro dei piatti di pesce: seppie ripiene, frittura di pesce, troccoli al sugo di pesce, zuppa di pesce fresco.

Pasta fresca e formaggi sono un altro dei piatti tipici, soprattutto caciocavallo, cacioricotta e scamorza. Inoltre Vieste è famosa anche per l’olio extravergine d’oliva.

olio extravergine doliva vieste
Ph di Valeria Lagazzoli

Cosa vedere nei dintorni di Vieste

Vieste potrebbe essere il luogo giusto da cui partire per scoprire l’intero Gargano, sia la zona della costa che l’interno. Un luogo che vale sicuramente la pena di vedere è l’Arco San Felice. Qui c’è una baia, con fondale sabbioso e natura tutto intorno, che è davvero un luogo magico. Se poi ci si aggiunge lo spettacolo dell’arco naturale, risultato dell’azione incessante di acqua e vento. SI trova a 8 km da Vieste e di solito si visita anche durante i tour alle Grotte marine.

ARCO SAN FELICE VIESTE
Ph di Valeria Lagazzoli

Andando verso l’interno sicuramente merita una vistia uno dei borghi Patrimonio UNESCO della regione: Monte Sant’Angelo, a cui ho dedicato un intero post che potrete leggere al link:

MONTE SANT’ANGELO: PATRIMONIO UNESCO DA SCOPRIRE

E per gli amanti del trekking e della montagna, perché non fare una gita fuori porta nella Foresta Umbra? Una riserva Naturale di 10 mila ettari a 800 metri sul livello del mare, con tanti percorsi da fare anche per i più piccoli.

Questo tutto quello che potreste fare e vedere durante una vacanza a Vieste e nel Gargano. Ovviamente aggiungete tante bellissime giornate al mare, relax e divertimento… cosa volere di più?

Se stai per partire per un viaggio verso la Puglia, approfondisci con i miei post:

Se invece non sai ancora dove andare ma hai deciso di voler scoprire l’Italia, ti lascio un articolo con 10 itinerari di una settimana da fare in Italia:

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei...

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.