Travel Italia Cosa vedere a Torino in un giorno: 5 tappe fondamentali

Cosa vedere a Torino in un giorno: 5 tappe fondamentali

Sono stata tre volte a Torino e credo che ci tornerò ancora. Mi è sempre apparsa come una città viva ed elegante, piena di gente, pulita ed ordinata. Mi piacciono le sue vie parallele, in cui è impossibile perdersi, e le Alpi che le fanno da cornice. Mi piace quando è grigia e fredda, mi piace quando è calda e assolata. Torino mi è piaciuta fin dalla prima volta e per questo ci torno sempre volentieri. Ma cosa vedere a Torino? Ovviamente dipende da quanto ci state. Io ogni volta cerco di vedere qualcosa di diverso, visto che ci vado quasi sempre in giornata e quindi devo fare delle scelte. 

Una di queste scelte potrebbe essere un tour guidato di qualche ora, con guida in italiano che vi faccia scoprire il meglio della città —> Prenota qui una visita guidata di Torino

Se come me avete solo un giorno a disposizione e volete godervi tutto quello che questa splendida città vi offre, allora vi consiglio 5 tappe fondamentali per visitare Torino in un giorno.

La Mole Antonelliana e il Museo del Cinema

La Mole, il simbolo della città merita assolutamente una visita, sia per la sua caratteristica forma e sia per quello che custodisce al suo interno. Il Museo Nazionale del Cinema è unico nel suo genere in Italia. Le installazioni offrono un viaggio nella storia di quella che è definita la settima arte, attraverso un percorso che è articolato su 5 livelli: l’Archeologia del Cinema, la Macchina del Cinema, la Collezione di Manifesti, le Video installazioni e la grande Aula del Tempio che è circondata da 13 cappelle in cui vengono raccontati alcuni grandi temi del cinema. Inoltre all’interno della Mole, c’è un grande ascensore panoramico che porta fino al Tempietto, ad 85 m, da dove è possibile un panorama unico su tutta la città. 

Mole Antonellina a Torino

Piazza Castello

Questa piazza è il vero fulcro della città di Torino, punto in cui convergono le quattro vie principali della città: Via Roma, Via Pietro Micca, Via Po e Via Garibaldi (una delle vie pedonali più lunghe d’Europa). E’ proprio qui che si sviluppano i più importanti palazzi cittadini tutti da visitare: Palazzo Reale, Armeria e Biblioteca Reale, Teatro Regio, Palazzo della Giunta Regionale, Palazzo del Governo. Cuore della piazza è Palazzo Madama, l’unico castello della città e da cui la piazza prende il nome.

Piazza Castello a Torino

Palazzo Reale è uno dei Siti UNESCO, insieme alla Palazzina di Caccia di Stupinigi e al Castello di Valentino. All’interno (costo del biglietto 10 euro) ospita numerose e importanti opere d’arte, come una pinacoteca, sculture e porcellane, oltre a mostre temporanee che cambiano spesso durante l’anno.

Museo Egizio di Torino

Il museo contenente le antichità egizie più grande subito dopo quello de Il Cairo. Non a caso Jean Francois Champollion, uno dei più grandi decifratori dei geroglifici egizi, disse: ” La strada per Menfi e Tebe, passa da Torino“.  Dal 2015 poi il Museo Egizio ha ampliato i suoi spazi espositivi, passando da 6500 mq a 12000 mq. Non ci sono parole per descrivere uno dei musei più visitati d’Italia, semplicemente va visto. Io ci sono stata sia prima dell’ampliamento, sia dopo e vi posso assicurare che in entrambi i casi sono rimasta a bocca aperta.

Meseo Egizio di Torino

Credo sia davvero uno dei musei più belli mai visti; la prima volta sono andata con una visita guidata… mai scelta fu più appropriata!

Prenota qui: VISITA GUIDATA MUSEO EGIZIO DI TORINO

Piazza San Carlo e il centro storico

Non un’attrazione precisa, ma il semplice perdersi fra le vie della città, tra le sue numerose piazze tutte estremamente curate, tra i palazzi signorili che ti riportano ad un passato di eleganza e ricchezza. Il semplice camminare nel centro storico delle città è una cosa che amo particolarmente e che consiglio a tutti… essere sempre di fretta,  correre tra un museo e una chiesa per cercare di fare e vedere il più possibile, non permette di godersi a pieno la città, viverla davvero e non semplicemente visitarla.

Nel caso di Torino, sicuramente il centro storico è caratterizzato dalle sue piazze e dai portici. Io amo tantissimo Piazza San Carlo, il salotto di Torino. La riconoscerete subito, con i portici ai lati che ospitano i caffè più antichi ed eleganti della città, dove bere la tipica cioccolata calda torinese, e le due chiese gemelle che fanno da ingresso alla piazza.

Piazza San Carlo Torino

Partendo da qui non vi resta altro che perdervi tra vie parallele, palazzi eleganti, piazze e piazzate. Fino ad arrivare alla splendida Via Po, con i suoi lunghi portici, i negozi e i torinesi che passeggiano con il giornale sotto al braccio.

Parco del Valentino

Il Parco del Valentino è il più grande della città di Torino, un’oasi di pace e pochi passi dal centro storico. In qualsiasi stagione decidiate di andarci, questo luogo vi sorprenderà per i viali alberati, i molti torinesi che vanno a fare jogging, le famiglie coi bambini e i cani che fanno la loro passeggiata giornaliera. Qui potrete passeggiare con calma, senza fretta, tra una visita museale e l’altra. Al centro del parco sorge il Castello del Valentino, oggi sede della Facoltà di Architettura del Politecnico e inserito all’interno dei siti Patrimonio UNESCO insieme ad altre residenze sabaude piemontesi.

Parco del Valentino a Torino

Cosa mangiare a Torino

Prima, parlando dei caffè eleganti di Piazza San Carlo ho accennato alla cioccolata calda che tutti i torinesi e i turisti in arrivo qui d’inverno devono assolutamente gustare. Dopotutto la cioccolata a Torino è praticamente un piatto tipico, per la precisione la cioccolata con le nocciole di cui è fatto il cioccolatino Gianduiotto che nasce proprio qui.

Ma parlando di piatti tipici, non potete non assaggiare la Bagna Cauda (possibilmente in inverno), che è una salsa fatta da acciughe, olio e aglio in cui intingere verdure e patate; oppure il ravioli del Plin, che sono piccoli raviolini ripieni di carne conditi con il sugo dell’arrosto.

Per i secondi piatti, il Vitello Tonnato è un piatto tipico torinese, insieme al bollito misto alla torinese, vari tipi di carni bollite e accompagnate con salse di vario genere. E per i gusti raffinati c’è i Brasato al Barolo, davvero squisito!

Cosa fare a Torino di sera

La sera Torino regala una parte davvero bella di sè. Le luci nelle piazze e sotto i portici rendono la città davvero romantica.

A Torino, come in molte città del nord Italia, è tipico l’aperitivo, che pare sia nato proprio in questa città. La maggior parte dei bar lo fanno ed è un aperitivo sempre molto ricco: si mangia e si beve molto e soprattutto a volte dura praticamente tutta la serata. Negli ultimi anni si è coniato il termine apericena, proprio per questo motivo. E’ caratterizzato da grandi buffet dove potrete trovare dagli antipasti ai primi, passando per qualche secondo e anche i dolci. Ovviamente il tutto innaffiato da tanti tipi di coctail o vini.

Via Po a Torino di Sera

Le zone dove la maggior parte dei ragazzi va a fare l’aperitivo sono tre: Piazza Vittorio, quartiere Quadrilatero e il quartiere San Salavario, una zona riqualificata dove oggi in molti scelgono di passare la serata.

Una volta fatto l’aperitivo, si può scegliere di fare una vasca in Via Garibaldi, una delle vie dello shopping di Torino, oppure andare nella zona dei Murazzi, lungo la sponda ovest del Po, dove da sempre ci sono locali che fanno musica dal vivo.

Torino di Sera

Per chi non è amante della movida, ma vuole comunque passare una bella serata a Torino, consiglio di dare un’occhiata al sito web TorinoToday, per scoprire quali eventi ospita la città nel periodo in cui deciderete di andare. Come vi dicevo Torino è una città viva e ricca di eventi, sicuramente troverete qualcosa di interessante da fare!

Cosa vedere nei dintorni di Torino

Se avete deciso di fare tappa a Torino per scoprire non solo la città, ma anche i suoi dintorni, ecco cosa c’è da non perdere nei dintorni di Torino.

Innanzitutto le residenze sabaude; nei dintorni di Torino si trovano cinque residenze sabaude: il castello di Rivoli, il castello di Moncalieri, la Residenza di Venaria Reale, il castello di Stupinigi ed il Castello ducale di Agliè.

Venaria Reale

La Reggia di Venaria Reale è considerata la Versailles Sabauda. E’ la più grande delle residenze dei Savoia, costruita tra il 1659 e il 1675 come residenza di caccia, ma usata anche per feste, balli e ricevimenti scenografici.

Venaria Reale interni

Da qualche anno è stata ristrutturata e riaperta al pubblico. Essendo molto spoglia all’interno, ospita spesso mostre temporanee, noi ad esempio abbiamo visto la mostra sul Genio di Leonardo Da Vinci. Ma il meglio della reggia sono sicuramente i suoi giardini!

Basilica di Superga

Il complesso architettonico della Basilica di Superga è un punto di riferimento per i torinesi e per i turisti che arrivano in città. Dista pochi chilometri dalla città di Torino ed è situata sul Verde Parco della Collina. E’ possibile visitare la Basilica e i gioielli d’arte che custodisce all’interno, salire sulla Cupola per vedere Torino dall’alto, entrare nei sotterranei dove ci sono le Tombe Reali dei Savoia o entrare nelle stanze dell’ Appartamento Reale e la Sala del Re, site nelle ali del Convento attiguo alla chiesa.

Basilica di Superga - dintorni di Torino
Foto di Flavia Iarlori di In giro con Fluppa

Sacra di San Michele

A 40 min di macchina da Torino, ai piedi delle Alpi c’è uno dei simboli del Piemonte: la Sacra di San Michele. E’ un luogo mistico, ricco di storie e leggende, tanto che ha ispirato Umberto Eco per la scrittura de Il nome della Rosa.

Dedicata al culto dell’Arcangelo Michele, difensore della fede e popolo cristiano, la Sacra di San Michele s’inserisce all’interno di una via di pellegrinaggio lunga oltre 2000km che va da Mont Saint-Michel, in Francia, a Monte Sant’Angelo, in Puglia.

Dall’alto dei suoi torrioni si possono ammirare il capoluogo piemontese e un  panorama mozzafiato della Val di Susa.  All’interno della Chiesa principale della Sacra, risalente al XII secolo, sono sepolti membri della famiglia reale di Casa Savoia.

Spero vi basti questo articolo per scegliere di visitare Torino e i suoi dintorni. E’ una città magica, elegante e calda (nonostante le apparenze), ricca di storia, arte e gastronomia… in pratica c’è tutto quello che si può volere da una città d’arte.

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Cosa vedere a Trento in due giorni

Trento è una città piccola ma ricca di cose da fare e...

Dove andare in Italia in 7 giorni: 10 itinerari...

Il 2020 sarà l'estate italiana per eccellenza: 4 italiani su 10 scelgono...

Cosa vedere a Digione in un giorno: sulle tracce...

Digione è la capitale della Borgogna, la famosa regione francese dei vini....

Lago Calamone e Monte Ventasso: scoprendo l’appennino tosco emiliano

Nei primi anni in cui è arrivato Biagio, avevamo iniziato a fare...

Case a graticcio: cosa sono e dove vederle

Ho scoperto le case a graticcio guardando qualche foto su Instagram quando...

Cosa vedere a Torino in un giorno: 5 tappe...

Sono stata tre volte a Torino e credo che ci tornerò ancora....

Popular Categories

Comments

  1. Al Valentino c’è anche l’Orto Botanico da vedere, un’oasi tranquilla nelle domeniche affollate al parco. A me Torino piace molto, ci ho abitato un po’ di anni e ci sono tornata dopo il mio anno in Inghilterra, ha un suo fascino che si scopre davvero solo dopo aver percorso il centro a piedi più volte. Per gli esploratori urbani aggiungerei ancora Porta Palazzo che è uno dei mercati più grandi d’Europa dove possiamo trovare cibo proveniente da tutto il mondo e per i più curiosi il Museo della Frutta, un museo assurdo dove sono esposti centinaia di frutti di cera (!!!)

    • Il Mercato purtroppo non l’ho mai visto. È aperto anche nel Week end?
      Sono d’accordo con te, Torino si scopre piano piano. A me è piaciuta subito ma ci torno volentieri e ogni volta mi accorgo si scoprire uno scorcio nuovo che non ti aspetti.

  2. Domenica parto finalmente per Torino e il Piemonte e non vedo l’ora! E’ la prima volta per me ma sono già innamorata di Torino.

    Non mi fermerò molto nel capoluogo ma voglio assolutamente visitare il Museo Egizio e il Museo del Cinema (dopo sarò la persona più contenta di questo mondo), se non piove farò una tappa al Parco di Valentino (Paola ne ha raccontato nel suo blog e mi sono innamorata del Museo Marittimo), sicuramente percorrerò Cit Turin (adoro lo stile liberty) e voglio andare a caccia della street art!

    Troppe cose????

    • Ti capisco, anche io quando vado in un luogo vorrei visitare tutto il più possibile. Cmq sono sicura che una volta lì ti innamorerai ancora di più di Torino. Per me è davvero una delle città più belle d’Italia!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.