Italia Calabria Cosa vedere a Scilla: la piccola Venezia del Sud

Cosa vedere a Scilla: la piccola Venezia del Sud

Scilla è uno di quei luoghi che ti rimangono impressi nei ricordi e nel cuore. Sarà per la particolarità delle sue case costruite direttamente sugli scogli, che rendono il quartiere di Chianalea un luogo davvero particolare, sarà per il mare blu cristallino, per la vista sulla Sicilia o per le sue tradizioni… saranno tutte queste cose messe insieme, fatto sta che il borgo di Scilla va visitato.

Siamo in Calabria, lungo la Costa Viola a pochi chilometri da Reggio Calabria e con lo sguardo che si affaccia sullo Stretto di Messina e sulla Sicilia. Siamo in uno dei borghi più belli d’Italia (non è l’unico in Calabria) e a ben dire visto la particolarità di Chianalea che da sempre è stata definita “la piccola Venezia del Sud“.

Chianalea di Scilla

Cosa vedere a Scilla

Il borgo si divide in due parti: Chianalea di Scilla, il borgo di pescatori divenuto famoso perché inserito tra i borghi più belli d’Italia e la parte di Marina Grande, dove c’è la spiaggia più ampia e frequentata di Scilla. Ma andiamo per ordine.

Il borgo di Chianalea

Il borgho di Chianalea deriva il suo nome da “Piano della Galea” (antica imbarcazione per la pesca del pescespada), ma è anche chiamata “Piccola Venezia”, per via delle casette dei pescatori direttamente adagiate sull’acqua, separate da stretti canali e insenature. Se mi chiedete cosa vedere a Chianalea, io vi rispondo semplicemente di passeggiare e riempirvi gli occhi di tutto: dai vicoletti colorati, dalle case che sembrano sorgere dall’acqua del mar Tirreno, delle piccole barche attraccate accanto all’ingresso di casa e del bellissimo panorama sullo Stretto di Messina. Tutto questo rende Chianalea di Scilla un luogo stupendo.

Tra le vie di scilla

Ma se vogliamo entrare nel dettaglio… Sicuramente vi consiglio di fermarvi a bere a Fontana Ruffo, in Via Annunziata, costruita tra 1600 e il 1700; o a Scaro Alaggio, uno dei luoghi più fotografati di Chianalea e dove i pescatori attraccano le loro piccole barche.

Scaro Alaggio a Scilla

Trai i vicoli di Chianalea troverete anche altre fontane antiche, come la “Fontana tre Canali” con mascheroni e fregi del 1610 e la fontana “Il Canalello” (o “San Clemente”).Ma anche la Chiese di Santa Maria di Porto Salvo e la Chiesa di San Giuseppe.

Il porto di Scilla

La cosa che sicuramente attirerà la vostra attenzione, appena arriverete al Porto di Scilla, saranno le spadare: strane imbarcazioni utilizzate per la pesca. Scilla è infatti famosa per la pesca del pesce spada, una tradizione che si tramanda da secoli. E’ un’attività piena di fascino, già a partire da queste imbarcazioni in cui c’è un traliccio o albero alto circa 25 metri, sopra il quale si posiziona l’avvistatore, che oltre ad avere il compito di avvistare gli esemplari di pescespada, ha anche il compito di comandare la nave tramite un sistema di carrucole. Secondo la tradizione il pesce spada è l’unico animale che non teme il mostro di Scilla e per questo motivo a primavera si avvicina alla costa per cercare un compagno e accoppiarsi.

Porto di Scilla e spadare

Piazza San Rocco

Piazza San Rocco è la piazza principale del centro storico di Scilla, dove sono presenti la chiesa di San Rocco, patrono della cittadina, e il palazzo del comune. La bellezza di questa piazza è che ha un affaccio diretto sullo stretto di Messina e sulla Sicilia. Partendo da Piazza San Rocco consiglio di addentrarsi tra le vie del centro storico e le casette basse.

Vista da Piazza San Rocco

Castello Ruffo

Il Castello Ruffo di Scilla, conosciuto anche come Castello Ruffo di Calabria, sorge sul promontorio scilléo, proteso sullo stretto di Messina. Questo promontorio e l’edificio costruito su di esso dividono la spiaggia di Marina Grande dal borgo di Chianalea ed è perfettamente visibile anche da Piazza San Rocco.

Castello Ruffo di Scilla

Il castello ha una pianta irregolare e presenta ancora oggi la configurazione di una fortezza militare dotata di torrioni, feritoie e cortine. All’interno è oggi ospitato un museo e una sala espositiva dove vengono spesso organizzate mostre ed eventi di vario genere. Simile al Castello di Pizzo, anche qui c’è una terrazza e un Affaccio che ti regalerà una splendida vista fino a Punta Faro in Sicilia e alle Isole Eolie.

Marina Grande e le altre spiagge

Marina Grande è la spiaggia più grande di Scilla, affacciata sullo Stretto di Messina, si estende in una sorta di insenatura racchiusa a nord dalla rocca del Castello Ruffo e a est dalla Chiesa di Maria SS. Immacolata. Il chilometro tra le due rocce costituisce il Lungomare Cristoforo Colombo.

Spiaggi di Marina Grande a Scilla

Marina Grande è una spiaggia molto attrezzata con lidi, bar e ristoranti. Perfetta per chi si vuole rilassare o per le famiglie con bambini. Se invece siete alla ricerca di spiagge più incontaminate e meno affollate potrete scegliere tra Punta Paci, perfetta anche per chi pratica immersioni subacquee, e Cala delle Rondini.

Come arrivare a Scilla

Arrivare a Scilla è abbastanza semplice. Vista la sua vicinanza con Reggio Calabria è servita sia dai treni che dagli autobus. Inoltre c’è un’uscita diretta dall’autostrada.

In auto

Autostrada A3 (Salerno – Reggio Calabria), uscita Scilla. Potete poi parcheggiare o sul Lungomare Cristoforo Colombo di Marina Grande o al parcheggio custodito vicino la Chiesa di San Giuseppe e poi ovviamente spostarvi a piedi per visitare il borgo.

In treno

Se arrivate da fuori regione dovrete fare cambio alla stazione di Reggio Calabria o di Villa San Giovanni e prendere un treno locale che vi porti alla stazione di Scilla .

In autobus

Sempre partendo da Reggio Calabria o da Villa San Giovanni, con la compagnia Costa Viola, potrete raggiungere Scilla in autobus.

In aereo

L’aeroporto più vicino è l’Aeroporto Totò Minniti di Reggio Calabria, conosciuto anche come l’aeroporto della stretto. Da qui la cosa più semplice è prendere un taxi visto che Scilla non è molto distante oppure un’auto a noleggio che poi potrete usare per visitare altri luoghi della Costa Tirrenica e della Calabria in generale.

La Calabria è una regione ricca di tante perle, che io ancora sto scoprendo nonostante sia calabrese, e Scilla è sicuramente una di queste. Inutile dire che io vi consiglio di andarci e scoprirla dal vivo!

Separatore blog

Se state organizzando un viaggio in Calabria, ecco degli altri articoli che potrebbero interessarvi:

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Cosa vedere a Trento in due giorni

Trento è una città piccola ma ricca di cose da fare e...

Dove andare in Italia in 7 giorni: 10 itinerari...

Il 2020 sarà l'estate italiana per eccellenza: 4 italiani su 10 scelgono...

Cosa vedere a Digione in un giorno: sulle tracce...

Digione è la capitale della Borgogna, la famosa regione francese dei vini....

Lago Calamone e Monte Ventasso: scoprendo l’appennino tosco emiliano

Nei primi anni in cui è arrivato Biagio, avevamo iniziato a fare...

Case a graticcio: cosa sono e dove vederle

Ho scoperto le case a graticcio guardando qualche foto su Instagram quando...

Cosa vedere a Torino in un giorno: 5 tappe...

Sono stata tre volte a Torino e credo che ci tornerò ancora....

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.