Life Come affrontare la fine delle ferie? Con un nuovo viaggio!

Come affrontare la fine delle ferie? Con un nuovo viaggio!

Come affrontare la fine delle ferie? Organizzando un nuovo viaggio!

Lo so, chi mi conosce potrebbe insultarmi visto che essendo maestra ho le ferie più lunghe degli altri e non mi posso permettere di lamentarmi. Infatti non mi sto lamentando… semplicemente ho iniziato a lavorare da due settimane e sono già in ansia. Se poi ci mettiamo che il vero inizio della scuola, cioè quello coi bambini, mi mette in ansia tutti gli anni ormai da 9 anni… ecco che devo assolutamente trovare un modo per affrontare tutto questo.

Per affrontare la fine delle ferie e l’inizio di questo nuovo anno… Sì, perché per noi maestre l’anno non inizia il primo gennaio ma il primo settembre. Di solito il mio nuovo anno inizia con una nuova agenda, che puntualmente perderò intorno a Natale e con il calendario dei week end liberi e dei ponti.

Ecco il modo per affrontare questo nuovo anno senza farsi prendere dall’ansia: organizzare i prossimi viaggi.
Diciamo che organizzare un viaggio è la giusta terapia per tutto o quasi! In questo caso aiuta a mantenere la mente ancora in ferie o comunque proiettata verso una nuova avventura, una nuova scoperta, una nuova meta.

Io di solito la fine delle ferie e l’inizio di settembre li affronto come segue:

  1. Controllo week end liberi e ponti (che già guardo a giugno ma meglio ricontrollare)
  2. Controllo voli con Skyscanner e l’opzione Ovunque (che io adoro!)
  3. Contemporaneamente controllo attraverso Google maps le distanze per un eventuale viaggio in macchina
  4. Ogni sera circa dico una meta diversa al marito che con poche parole e tante espressioni approva o non l’idea.
  5. Sempre contemporaneamente mi informo su mostre, feste ed eventi nella zona. 
  6. Intorno al 10 settembre, comunque prima dell’inizio ufficiale della scuola, prenoto!

In pratica anche in questo caso, organizzo più viaggi di quelli che riuscirò a fare!

L’anno scorso il nostro viaggio terapeutico l’ho prenotato seguendo più o meno queste tappe e ci ha portato a Valencia. Una scelta perfetta, 20 gradi a dicembre, sole, spiaggia e tutto quello che questa splendida città regala. Una volta prenotato, il pensiero del prossimo viaggio mi serve quando ho la giornata storta, quando mi sento stanca… ed ecco che le tappe seguenti sono:

  • Prenotare l’hotel
  • Comprare la guida
  • Leggere post su vari blog
  • organizzare cosa vedere, cosa fare, gli itinerari da seguire.

Ed ecco che il tempo passa e l’organizzazione del viaggio mi tiene la testa sempre un po’ in vacanza!

E quest’anno? E’ cambiato qualcosa? Ovviamente no! Negli ultimi 10 giorni ho cercato mete, controllato voli, sognato in grande e parlare col povero marito che dopo un po’ secondo me non mi ascolta più.

Sono passata da Malta all’idea dell’Aurora Boreale (purtroppo sfumata subito), fino ad approdare ad una meta italiana. Proprio ieri ho prenotato la Freccia Rossa verso Napoli e ho deciso tre mete: Sorrento, Pompei e Capri! Inutile dire che già mi immagino “davanti al golfo di Sorrento” con la voce di Lucio Dalla nella testa.

Non ci sono mai stata e spero che il ponte dei Santi sia un buon periodo. Ora comincio con la ricerca di una bella guida sulla Campania e di qualche bel blog post per leggere e iniziare già da casa il mio prossimo viaggio.

E voi come affrontate la fine delle ferie?

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei...

Popular Categories

Comments

  1. Napoli la adoro. Io ci tornerò a dicembre. Consiglio: fai una dieta preventiva. A Napoli si mangia sempre e benissimo.

    • Direi che noi mangiamo sempre e dovunque quindi ancora dobbiamo smaltire i kili di quest’estate. Per il resto siamo proprio contenti di rimanere in Italia questa volta è scoprire una zona che in alta stagione è impraticabile. Ora devo solo trovare la guida giusta!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.