Life Che lavoro fai? Sono insegnante di sostegno!

Che lavoro fai? Sono insegnante di sostegno!


Ho sempre pensato che un lavoro non si debba fare solo per portare a casa lo stipendio, ma per passione. Crescendo ho scoperto che non sempre è così e che le persone che riescono a fare il lavoro per cui hanno studiato e che hanno sempre voluto fare sono poche e soprattutto fortunate. Io sono una di queste!

Ho studiato per fare la maestra e appena mi sono laureata smaniavo dalla voglia di iniziare a lavorare il prima possibile. Ho iniziato a 23 anni, carica di un bagaglio teorico ma senza nessuna pratica. Ammetto che all’inizio mi sentivo spaurita e a volte non sapevo neanche cosa stavo facendo. 

Il secondo anno ho accettato il mio primo incarico sul sostegno pur non avendo la specializzazione; ed ecco che per la prima volta mi trovo ad accettare un lavoro per necessità. All’inizio mi sentivo totalmente incapace e i bambini, che hanno un sesto senso per certe cose, se ne sono accorti. Ho iniziato così a studiare per specializzarmi; quell’anno tra rincorse per i corridoi e tante urla ho deciso che quel lavoro l’avrei scelto e non più “solo per mangiare”!

In questi 8 anni di lavoro sul sostegno di alunni ne ho avuti tanti, ma i “miei bimbi” sono stati precisamente 11. Di ognuno ricordo il volto, i loro punti di forza e le loro paure. Ricordo il nostro primo giorno di scuola insieme, il loro sguardo curioso e interrogativo. Ognuno di loro, in un modo o nell’altro, mi ha messo alla prova… dovevano capire se potevano fidarsi di me, questa sconosciuta. 

Ricordo il momento in cui anche i più diffidenti hanno iniziato a fidarsi di me, quando il nostro rapporto è cambiato. Con alcuni quel momento è arrivato prima, con altri c’è voluto tempo e pazienza. 

Ho assistito a piccole a grandi vittorie, ma non sono mancate le brutte e inaccettabili sconfitte. Ricordo ogni mio errore e le notti insonni quando pensi e ripensi a cosa non hai fatto, a cosa potevi fare di più, a cosa ti è sfuggito. 

Ricordo ogni mamma e ogni papà, il loro sguardo la prima volta che mi hanno visto così giovane, così piccola. Si leggeva perfettamente nei loro occhi la preoccupazione di lasciare il proprio figlio nella mani di quella ragazzina. Alcuni mi hanno chiesto apertamente l’età ( “Ma quanti anni hai?”), altri non ne hanno avuto il coraggio. 

Ricordo tante cose e tante le ho dimenticate, ma c’è un momento che non dimenticherò mai… il momento preciso in cui quei bambini si sono presi un pezzo del mio cuore e mi hanno regalato un pezzo del loro. Quel momento alla fine dell’anno in cui, nonostante la fatica e la stanchezza, capisci che anche questa volta la cosa più bella che ti è capitata sono proprio loro. I loro occhi soddisfatti quando finalmente hanno raggiunto un traguardo, i loro sorrisi, i loro “Domani ci sei?”, a volte i loro abbracci. 

Alla fine di ogni anno mi rendo conto sempre di più che certi lavori si scelgono e io il mio l’ho scelto e lo scelgo ogni giorno. Qualcuno mi ha detto: “Ma tu non sei un’insegnante normale?”. Beh direi proprio di No, non sono normale e spero di non diventarlo mai!

 

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Visitare Dozza: il borgo dipinto dell’Emilia Romagna

Dozza è uno dei borghi più belli dell'Emilia Romagna e di tutta...

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Popular Categories

Comments

  1. Bell articolo e complimenti… tra i miei rimpianti (oltre all Erasmus) ho anche quello di essere insegnante o comunque di fare un lavoro più “sociale” ( con gli anni poi ho cercato di colmare questi miei rimpianti facendo la facilitatrice linguistica, prima come volontaria e poi su progetti saltuari)

    • Grazie. Per me fa parte di quel costruire che dicevi nel tuo post. Il mio lavoro lascia qualcosa a me ma soprattutto nelle vite degli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.