Travel Europa Case a graticcio: cosa sono e dove vederle

Case a graticcio: cosa sono e dove vederle

Ho scoperto le case a graticcio guardando qualche foto su Instagram quando stavo organizzando il viaggio on the road tra la Foresta Nera e l’Alsazia. In queste due zone sono la caratteristica principale e anche dopo 10 giorni tra queste case vi assicuro che non smetterete di ammirarle a bocca aperta e fotografarle.

Ma cosa sono le case a graticcio?

La struttura

Si definiscono case a graticcio quegli edifici la cui struttura portante è formata da travi di legno disposte secondo diversi orientamenti. Gli interstizi creati da questa particolare intelaiatura in legno vengono riempiti da materiale diverso, come l’argilla, la pietra o il laterizio. 

Case a graticcio in francia
Case a graticcio in Alsazia

Le travi di legno costituiscono lo scheletro dell’edificio; assicura stabilità alla casa ed in grado si supportare le grandi sollecitazioni delle abbondanti nevicate che capitavano in inverno.

Talvolta però diventano parte integrante nella decorazione della casa. Le travi che si intrecciano infatti venivano arricchite da vari elementi decorativi, come intagli, nicchie, inclinazioni e rombi, che avevano come unico scopo essere elemento decorativo e non strutturale.

Alcuni elementi decorativi erano elemento distintivo degli artigiani e dei costruttori; altri invece hanno dei significati, come la croce di Sant’Andrea o il rombo, che pare indicassero addirittura il numero dei figli. Alcuni dettagli sono impercettibili nella visione d’insieme ed è divertente scrutare le case a graticcio attentamente per scoprirli.

Cenni storici

Dove nascono le case a graticcio? Noi le conosciamo come abitazioni tipiche di Germania e Francia, i paesi europei dove ancora oggi se ne contano di più, ma in realtà vengono da molto lontano.

Gli archetipi di tale tipo di costruzione affondano nell’antica Çatalhöyük in Turchia e risalgono a un abitato di epoca neolitica.

Troviamo poi un esempio simile anche nell’antica Ercolano, dove le case sono costruite con una tecnica del tutto simile e infatti è stata chiamata proprio “casa a graticcio“.

In Europa sono presenti anche in Polonia, Belgio, Inghilterra e Svizzera, e le prime costruzioni risalgono al tardo Medioevo, fino a giungere agli inizi del Novecento.

Dove vedere le case a graticcio

In Germania lungo la Strada delle Case a Graticcio

In Germania, per valorizzare questo patrimonio storico hanno creato la Deutsche Fachwerkstrasse, la Strada tedesca delle case a graticcio. E’ una strada che corre lungo tutta la Germania, da sud a nord, per 2800 km e collega quasi 100 città tedesche.

strada delle case a graticcio in germania
La strada delle case a graticcio in Germania

Oggi l’itinerario tematico attraversa ben sei Länder federali (Bassa Sassonia, Sassonia-Anhalt, Turingia, Assia, Baden-Württemberg, Baviera) e si divide in sei percorsi regionali:

  • Itinerario blu: dal fiume Elba alle colline del Weser.
  • itinerario arancione: dalle montagne dell’Harz alla foresta della Turingia.
  • Itinerario marrone: dalle colline del Weser alle montagne del Vogelsberg fino alla terre alte dello Spessart, passando attraverso l’Assia del nord.
  • Itinerario giallo: dal Westerwald al fiume Meno, attraversando la valle del Lahn e il Taunus.
  • Itinerario viola: dal Reno al Meno e alla foresta dell’Odenwald.
  • Itinerario rosso: dal fiume Neckar alla Foresta Nera e al lago di Costanza.

Noi non l’abbiamo percorsa tutta, ma solo un tratto, quello del Baden-Württemberg, che è poi la zona che racchiude anche la splendida Foresta Nera e confina con l’Alsazia.

Case a graticcio
Scorci nella Foresta Nera

Se non sapete da dove partire per scoprire queste abitazioni e i villaggi (che sembrano usciti da un libro dei Fratelli Grimm (non a caso sono nati proprio in una di questa case!) andate sul sito ufficiale della Strada delle Case a Graticcio in Germania. Qui troverete la cartina (quella che vedete sopra è presa dal lì) e la descrizione di tutti i percorsi, con tutte le cittadine e le attrazioni da visitare.

In Francia: in Alsazia e non solo

La maggior parte delle persone hanno visto queste splendidi abitazioni in Alsazia, magari in inverno tra i mercatini di Natale che qui sono caratteristici. In effetti in Alsazia, lungo tutta la strada che collega Colmar a Strasburgo, tutti i paesini e i villaggi sono ricchi di case a graticcio. Uno fra tutti è Obernai, il villaggio di Belle di La bella e la bestia, un luogo davvero magico e totalmente costruito con questa tecnica.

Case a graticcio - Colmar
Case a graticcio a Colmar

La Petite France, il quartiere più bello e caratteristico di Strasburgo, è così bello e ammirato da tutti proprio perché ricco di case a graticcio, che si affacciano su canali e vie piccole e strette. Qui troverete tantissimi localini in cui gustare piatti tipici e tanti negozi di Natale, aperti tutto l’anno. Perché il Natale qui è una caratteristica del luogo ed è un peccato riservarla solo ad un periodo limitato nel tempo… non per niente io ho acquistato le palline per l’albero di Natale in pieno agosto e con un’afa pazzesca!

Case a graticcio a strasburgo
Petite France a Strasburgo

Ovviamente il viaggio per eccellenza alla scoperta delle case a graticcio comprende il tour dell’Alsazia, noi però ci siamo spostati anche oltre l’Alsazia e ci siamo accorti che questo genere di abitazioni sono presenti anche in altre cittadine, come Bourge (una delle città più belle della Valle della Loira) e Digione.

Scorci di Digione - case a graticcio
Scorci di Digione

Andare alla ricerca di queste abitazioni, dei loro disegni, colori e simboli, fa parte del viaggio in queste zone e rende il tutto ancora più bello… quindi preparate occhi e macchina fotografica, perché ne vale la pena!

Separatore blog

Se volete approfondire la lettura di queste zone e scegliere così il prossimo viaggio, vi lascio alcuni post:

Roberta
Calabrese di nascita, emiliana di adozione. Se si potessero studiare i miei geni si troverebbe qualcosa di legato ai viaggi. Per anni viaggiare era un modo per evadere da una vita che mi stava stretta: "a chi mi domanda la ragione dei miei viaggi rispondo che so bene quel che fuggo ma non quel che cerco." Adesso viaggio perché ho un continuo bisogno di scoprire, esplorare, conoscere, assaggiare. Amo viaggiare e scrivere, e poi di nuovo viaggiare e scrivere, senza sosta. Benvenuti nel mio piccolo mondo di viaggi, esperienza e vita!

Related Stories

Discover

Un sipario sull’Italia… “Prima di morire”

Scrivere recensioni non è una cosa che so fare, anche se...

25 Siti UNESCO in Europa da non perdere

Prima di partire per un qualsiasi viaggio c'è una cosa che faccio...

Dove vedere i pinguini in Sudafrica: Boulders Beach a...

Simon's Town è una città del Sudafrica, situata sulla costa di False...

Cosa vedere a Cape Town in Sudafrica

Già in un post precedente vi avevo raccontato del mio amore a...

Cosa vedere a Serra San Bruno: la mia città

Chi mi segue sa che ho lanciato un progetto di guest post a cui...

Cosa vedere a Vieste: la perla del Gargano

Essendo i miei nonni di Foggia, il Gargano è sempre apparso nei...

Popular Categories

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.