Viaggio in Italia in 48 ore: 5 consigli

Avete giusto due giorni e non volete sprecarli stando a casa a poltrire sul divano? Volete sfruttare ogni momento per scoprire qualcosa di nuovo e soprattutto per partire? Allora scoprite i miei 5 consigli per un viaggio in Italia in 48 ore. 

Lo so, 48 ore sono davvero poche… soprattutto se pensi che ci tocca anche dormire in queste ore. Vabbè ma se si ha bisogno di staccare, se proprio non si vuole sprecare neanche un attimo, allora si parte punto! Ma dove? Cosa si può vedere in un viaggio in Italia in 48 ore?

Allora partiamo dal fatto che 2 giorni bastano davvero per vedere poco, ma comunque ci si può fare un’idea del luogo, vedere le cose più importanti, assaporarne il clima e magari poi decidere se tornare e approfondire, oppure dire “mi basta così”. 

Ovviamente tutto dipende dalla possibilità di raggiungere i luoghi e questo dipende soprattutto dal punto di partenza. Visto che non so voi da dove partite, ho deciso di scegliere i luoghi di visitare in 48 ore pensando all’organizzazione del luogo d’arrivo e non dalla partenza… Detto ciò, ecco i miei 5 consigli per scappare e fare un piccolo viaggio in Italia in 48 ore!

  1. Firenze! Grazie ai treni ad alta velocità è molto semplice raggiungere la città di Firenze. La stazione ferroviaria è praticamente in centro storico, da lì poi si parte a piedi alla scoperta della splendida Firenze. Un viaggio di 48 ore vi permetterà di vedere tutto il centro storico, passeggiare fra Piazza della Signoria, con il bellissimo Palazzo Vecchio, Piazza del Duomo in cui sono concentrati tre dei monumenti più belli e conosciuti di Firenze, Ponte vecchio, Giardino di Boboli, Chiesa di Santa Maria Novella e gran parte del centro storico. In 48 ore non si può vedere tutto in maniera approfondita, ma io credo che alcune cose non si possono tralasciare, quindi sceglierei di prenotare online la visita al Museo degli Uffizi, così da evitare le immense file che ci sono sempre per entrare e avere il tempo anche per una visita alla Cattedrale e all’immensa e stupenda Cupola del Brunelleschi. Visto che avete a disposizione una notte, godetevi la città di sera, magari raggiungendo con i bus (num 12 o 13) Piazzale Michelangelo e godere di una bellissima vista panoramica della città e del suo fiume. 
  2. Palermo. Un’altra splendida città da visitare in 48 ore è Palermo. Raggiungibile in aereo, anche con i voli low cost, e in 45 min con un trenino che collega l’aeroporto Falcone – Borsellino alla stazione ferroviaria, anche questa in pieno centro storico. Palermo, come Firenze e come molte città italiane, si visita a piedi, il modo migliore per godersi a pieno la città, con le sue bellezze e le sue diversità. Io partirei da uno dei mercati, tanto famosi quanto caratteristici della città. Ballarò o Vucciria, scegliete voi, in ogni caso ne rimarrete folgorati (soprattutto se venite dal nord!). Dopo un immersione totale nella vita dei palermitani, partite alla scoperta del centro storico, innanzitutto la stupenda Cattedrale, poi la Cappella Palatina e il Palazzo dei Normanni, passando da I quattro Canti (piazza a forma ottagonale con 4 palazzi uguali) si raggiungono due delle vie più belle e conosciute della città: Corso Vittorio Emanuele e Via Maqueda. Non perdetevi poi il Teatro Massimo, le catacombe dei Cappuccini e il Palazzo della Zisa (se non lo conoscete leggete il post di Raffaella, palermitana di adozione). Inutile dirvi che vi basteranno 48 ore a Palermo per tornare con un paio di chili in più, almeno per me è stato così! Come si fa a resiste ai cannoli siciliani, agli arancini, alle panelle, alla pasta alla Norma? Io non ci riesco! 
  3.  Venezia, la splendida città sull’acqua che tutto il mondo ci invidia. Forse in questo caso il problema più grosso è raggiungere la città , ma vi aiuto io in questo post su come arrivare a Venezia. Mentre per quanto riguarda la visita, beh io direi innanzitutto di partire dall’acqua, la caratteristica principale della città. Prendete un battello ( se non avete come me la possibilità di fare un giro in gondola) e godetevi Venezia dall’acqua, perché non c’è nulla di meglio! Poi scendete e perdetevi tra le sue calle strette, assaporate l’odore di salsedine, il silenzio dell’acqua e il sapore di mare sulla pelle. Venezia è magica soprattutto in mezzo ai suoi vicoli, un po’ meno in mezzo ai migliaia di turisti. Certo non si può non andare in Piazza San Marco e salire fin su per ammirare la città dalla stessa prospettiva dei suoi leoni. In 48 ore secondo me riuscite anche a fare un salto alla piccola isola di Murano, ma vi consiglio di non andarci di domenica, quando i maestri vetrai non lavorano e quindi vi perdereste l’arte della soffiatura del vetro. 
  4. Torino! Anche per Torino bisognerà sacrificare qualcosa, perché tutto in 48 ore non si può vedere, ma è una città talmente bella che una pausa qui io non me la perderei. Facilmente raggiungibile in treno, anche in questo caso ci viene in aiuto il fatto che la stazione ferroviaria è praticamente in centro. Inoltre l’aeroporto è ben collegato al centro città con una corsa di circa 45 min. Una volta raggiunto il centro città, munitevi di scarpe comode e perdetevi tra le sue vie dritte e parallele. Ammirate gli stupendi palazzi eleganti e romantici, le piazze tutte ordinate, ma soprattutto i suoi musei. Non potete andare a Torino e non andare al famosissimo Museo Egizio! Come per gli Uffizi di Firenze, la cosa migliore da fare è prenotare online la visita così da evitare le lunghe code all’ingresso e risparmiare un po’ di tempo. Un altro museo assolutamente da non perdere (almeno a mio avviso) è il Museo del Cinema custodito all’interno della Mole Antonelliana. Anche sta volta io consiglio di prenotare on line la visita. 
  5. Bologna. Raggiungibile facilmente in treno (con alta velocità e non solo) e in aereo (che dista solo 20 – 25 min dalla stazione ferroviaria). Dalla stazione a piedi salite sul Parco della Montagnola, soprattutto se siete lì al sabato quando il parco ospita il famoso “mercato della montagnola“, dedicato soprattutto all’usato e al vintage. Dalla Montagnola scendete poi su via Indipendenza, attraversate i famosi portici della città, magari facendo anche un po’ di shopping, e arrivate dritti dritti alla famosa Piazza Maggiore (o Piazza Grande), con la Fontana del Nettuno e la Basilica di San Petronio, l’eterna incompiuta. Da qui poi è facile raggiungere le Torri degli Asinelli, il quartiere dell’università, la casa di Lucio Dalla e soprattutto i 38 km di portici che rappresentano la caratteristica fondamentale della città. In 48 ore potrete anche fare una gita al famoso Santuario della Madonna di San Luca; se arrivate in treno è la prima cosa che si vede quando ci si avvicina alla stazione! 

5 splendide città italiane da vedere in un viaggio di 48 ore. Un modo per spezzare il lungo inverno e soprattutto per scoprire ogni volta un pezzettino della nostra splendida Italia. A prescindere da dove partite, queste 5 città sono facilmente raggiungibili e anche abbastanza economiche se ci si organizza in tempo. Per alcune 48 ore vi sembreranno poche, ma nessuno vi vieta di tornarci, per altre vi accorgerete che saranno più che sufficienti. Questi sono i miei 5 consigli ma ci sono molte altre città italiane che si possono scoprire anche in poco tempo, perché in Italia abbiamo la fortuna di avere un concentrato di bellezze e opere d’arte in centri storici piccoli e facilmente percorribili a piedi e non bisogna per forza essere dei camminatori instancabili! 

Ora non vi resta che staccare la spina e partire, l’Italia ci aspetta! 

4 thoughts on “Viaggio in Italia in 48 ore: 5 consigli”

  1. Mi stavo proprio chiedendo: “Chissà se ci sarà Torino nell’elenco?” e mi fa molto piacere vedere che c’è!
    Palermo mi piacerebbe davvero molto perché ci sono stata una volta in gita al liceo ma ne ho un ricordo molto vago.
    Buon weekend!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *