Serra è il mio posto dove tornare

Sono tornata nel mio paese dopo quasi un anno di lontananza, non sono mai stata lontana dalla mia Serra per così tanto tempo e tornare questa volta è stato davvero bello. O forse è così bello tutte le volte… perché ogni volta che torno sembra che tutti siano lì ad aspettarmi. 

Intanto ogni volta che scendo dall’aereo c’è il sole, fa caldo e il mare è calmo e azzurro. E’ sempre così? Non credo, però quando io arrivo è sempre così. La terra mi accoglie col sole e con il mare azzurro, come a ricordarmi che qui il sole è più caldo e il mare è più bello. 

Poi arrivo a Serra e dopo poche ore ho già salutato a dato mille baci e ogni volta, con ogni persona che incontro le frasi sono sempre queste “Arrivasti finalmente!” oppure “Quando arrivasti?”, come se mi stessero aspettando, come se tutti fossero stati fermi in questi mesi ad aspettare il mio rientro. Non è ovviamente così, la vita va avanti anche senza di me eppure negli occhi delle persone che incontro leggo la vera gioia di rivedermi… finalmente! 

E poi tutti mi danno da mangiare, perché si sa che noi emigrati al nord non mangiamo mai e quindi bisogna fare la scorta quando s a casa. Partendo dalla colazione la mattina, che ovviamente vado a fare nel mio bar pasticceria preferito, passando dal pranzo per finire alla sera… non faccio altro che mangiare! Mia mamma nei mesi precedenti compra tutte quelle cose che io adoro e che di solito non mangio a Reggio e li congela per quando arrivo io, il figliol prodigo. Cosa? Beh intanto i funghi, io impazzisco per i funghi e quelli serresi sono ovviamente più buoni! E poi l’agnello che a Reggio si trova ma costa un occhio della faccia e non è buono come quello che abbiamo noi; e i merluzzi piccoli da fare fritti, che al nord praticamente non esistono e io non so come facciano a vivere senza! 

E quindi mangio, mangio mangio e meno tempo sto più ovviamente mangio! Ma non è solo quello, qui anche una semplice passeggiata ha un sapore diverso… quando sono a casa esco solo a piedi, perché solo in quel modo posso osservare bene tutto e controllare che sia tutto come prima. Prima quando? Non l’ultima volta che sono stata a Serra, ma prima quando vivevo qui e costruivo qui i miei ricordi. Prima quando andavo a scuola e passeggiavo la sera con gli amici e il primo fidanzato. La maggior parte delle cose sono cambiate ma se cerco i dettaglia, gli scalini, i portoni delle case o delle chiese, ecco quelli sono ancora come me li ricordo io. Li guardo, ricordo e sorrido… anche quei posti sembrano rimasti uguali per me, perché io possa ritornare e ricordare! 

E poi i giorni passano, molto più velocemente che al nord, e si avvicina il giorno della partenza. La sera prima passo a salutare mezzo paese e anche questa volta le frasi che sento mi danno la sensazione che tutti sentiranno la mia mancanza. “Già ti ndi vai?” “E mo quando torni?” Sarò egocentrica ma quelle frasi sono sincere, lo so! 

Ogni volta che riparto mi tornano alla mente le parole di Angiolina su quanto sia dura scegliere di andar via e vivere lontano da casa… 

“Perché dovrei restare? Qui non conosco nessuno! Qui l’aria non profuma di campagna, la gente non ti saluta la mattina quando fai la spesa… qui il cielo non è azzurro e il sole non riscalda, non c’è il mare e non sento l’odore dei panni stesi al sole o del pane appena sfornato…”

Quando ho scritto queste parole forse non mi rendevo davvero conto di quanto fossero semplici ma vere! Sono felice di vivere a Reggio Emilia che oggi considero la mia città… ma quando torno a Casa, quando vedo i visi familiari che mi salutano e mi abbracciano, quando passeggio per queste strade e mi arrabbio per il traffico ma sorrido per i panni stesi fuori, quando arrivo a casa e la prima cosa che faccio è mangiare il Pane con la P maiuscola… in tutti questi casi mi rendo conto di quanto è bello avere un posto dove tornare, un posto che ti sta aspettando, che ti accoglie come il figliol prodigo che finalmente torna a casa e che ti saluta con la speranza di rivederti presto!   

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *